Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Orgogliosi della fede ma aperti al dialogo

padre David M. Jaeger ofm
23 settembre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Nel corso degli ultimi mesi – non per la prima volta – ho trascorso parte del mio tempo a collaborare con altri giuristi nella stesura di eventuali proposte per una miglior protezione dei Luoghi Santi. La comune preoccupazione di fondo è sempre per la Terra Santa, per i Luoghi Santi della cattolicità. Ci siamo trovati però – come già nelle esperienze che ho fatto precedentemente – nella necessità di fare un discorso piuttosto generico, capace di essere applicato anche ad altri «luoghi», di minore rilievo, di qualsivoglia altra religione, e che si trovano in altri Paesi; luoghi che forse non hanno le stesse esigenze di tutela, e per i quali forse non sarebbe egualmente ragionevole pretendere tanto. Diversamente, mi è stato fatto capire, la nostra impresa non sarebbe «politicamente corretta».

Un anno fa (ma l’episodio è capitato altre volte, sia prima che dopo) sono stato invitato da una prestigiosa università (cattolicissima) a prendere parte in un seminario di studio, a porte chiuse, per soli invitati, sui rapporti tra la Chiesa e un «determinato» Paese e una «determinata» religione (l’autore è impegnato da molti anni nei colloqui bilaterali Santa Sede-Israele – ndr). Una simile occasione sarebbe stata perfetta per chiarirci le idee. Invece no. L’ansia dell’«inclusione», la voglia di «correttezza politica», fu tale da far invitare anche gli interlocutori dell’altra parte. Fino a farne, anzi, la maggior parte dei presenti, riservando loro la maggior parte del tempo. Diversi prelati avevano rifiutato l’invito, e nella trappola – così mi è poi parsa – ci sono cascato io, quasi l’unico di parte cattolica. Resomene conto, stavo per andarmene, ma la buona educazione prevalse e questo sgarbo non lo feci. Trovai invece il modo, divertente e cortese, anche se inequivocabile, di dire la mia. Lo racconterò forse un’altra volta.

Non sono episodi isolati. Sempre più, in Occidente, la Parola si trova soffocata, messa a tacere, dalle altrui parole. Il dialogo, tanto voluto e tanto necessario, diventa, per nostra responsabilità, l’altrui monologo. Proprio mentre scrivo, la grande capitale europea che mi ospita sta vivendo l’incubo dell’ennesima, tumultuosa incursione di un personaggio oltremodo ingombrante, proveniente dall’altra sponda del Mediterraneo. Quel colonnello Gheddafi che osannato e coccolato, lancia dissennati insulti e minacce ricattatorie al cristianesimo e all’Europa. Senza contradditorio.

E d’altra parte si fanno sempre più stridenti le voci dei bigotti, che fanno del cristianesimo un identitarismo becero, buono per alimentare odi, discriminazioni e persecuzioni contro chi è diverso, spesso proprio contro i più deboli, usando simbologie e linguaggi – seppur spesso camuffati da parole «in codice» – che si speravano superati decenni orsono.

Ma è possibile che non ci sia per chi vuol dirsi cristiano una via maestra per rapportarsi agli «altri»? Una via che non sia fatta di infinita remissività ma neppure di ottusa arroganza? Dobbiamo ritrovare tutti la via che percorra fedelmente, sine glossa, gli stupendi insegnamenti del concilio Vaticano II, che seppe abbinare armoniosamente il fiducioso annuncio della Buona Novella di Gesù Cristo il Figlio di Dio (Mc 1,1) e la rispettosa apertura al dialogo con chi questa Buona Nuova non l’ha ancora accolta, sempre in base a valori umani che già ci accomunano.

L’«umile fierezza» dei discepoli di Gesù non deve confondersi né con l’abuso violento del nome di «cristiano», e neppure deve cedere all’auto-annichilimento davanti a chiunque questo nome non porti.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta (fino al 2005 La Terra Santa) compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
In nome dell’amore
Simone Weil

In nome dell’amore

Investigazioni spirituali su Gesù di Nazaret
«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

Letture di testi sacri per vivere insieme
Atti degli apostoli: analisi sintattica
Lesław Daniel Chrupcała

Atti degli apostoli: analisi sintattica

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico