Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Si dice che a Rodi, nel XII secolo, arrivò un monaco con un'icona. Da allora sul colle del Filerimo non si è mai interrotto il flusso dei pellegrini.

Rodi. Una basilica per l’icona di san Luca

Chiara Tamagno
10 dicembre 2009
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Rodi. Una basilica per l’icona di san Luca
Rodi. La chiesa crociata sul colle del Filerimo. (foto G. Vigna)

A nord dell’isola di Rodi la strada sul lungomare s’inerpica tra pini e cipressi verso il Colle del Filerimo, che vanta una posizione incantevole sul golfo e una storia antichissima, testimoniata da alcuni resti ancora oggi ben conservati.

Una zona abitata già in epoca fenicia e greca, che costituì una sorta di avamposto militare per i bizantini che qui furono assediati dai genovesi  nel 1348, dopo che questi avevano occupato l’isola. Una collina scelta anche da Solimano il Magnifico nel 1522 per insediarvi il suo quartier generale.

Le tracce archeologiche riportano indietro nei millenni: partendo dal piccolo centro di Ialissos si può ammirare la fonte dorica del IV secolo a.C. e poco distante i resti del tempio dedicato a Zeus e ad Atena, accanto alle fondamenta della prima cappella dell’era cristiana, con al suo interno un battistero sotterraneo. La strada prosegue poi in un fitto bosco di conifere verso la cima del colle del Filerimo. L’origine del nome è piuttosto discussa: c’è chi lo fa risalire a un uomo salvato dal suicidio dall’apparizione della Vergine e qui giunto per dedicarle un santuario, altri invece parlano di  un monaco venuto da Gerusalemme nel XIII secolo,  portando con sé un’icona della Madonna dipinta dall’apostolo Luca. Il fatto certo è che la cappella  costruita a Filerimo fu subito meta di pellegrinaggi e divenne basilica, in seguito ampliata dai cavalieri di San Giovanni che nel XIV secolo, vi eressero un loro monastero.

Quel che oggi troneggia tra il verde della ricca vegetazione è un complesso architettonico di stile crociato, costituito da quattro cappelle a cupola ornate della croce dei Cavalieri: attraverso quella maggiore (datata 1306) si raggiungono le altre tre, di cui quella più interna conserva un pavimento a mosaico dell’epoca bizantina. La celebre icona della Madonna del Filerimo, detta anche «Vergine di tutte le Grazie» è ancora oggi simbolo della spiritualità mariana degli Ospitalieri di San Giovanni. Si legge dai documenti dell’Ordine che i cavalieri cercarono di preservarne l’effigie dentro le mura della città ogni volta che si temeva l’invasione turca dell’isola. E quando nel 1523 Rodi cadde in mano ai nemici musulmani, l’icona seguì il Gran Maestro dell’Ordine nelle peregrinazioni attraverso il Mediterraneo. Pare che ne siano state create alcune copie molto preziose, mentre l’originale viaggiava dalla Russia degli zar alla Danimarca, al Montenegro, dove è stata recentemente ritrovata.

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Holy Land. Archaeology on Either Side

Holy Land. Archaeology on Either Side

Archaeological Essays in Honour of Eugenio Alliata ofm
Calendario di Terra Santa 2021 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2021 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico
Pagine da Nazaret – Seconda edizione
Charles de Foucauld

Pagine da Nazaret – Seconda edizione

Gli scritti spirituali del santo che amò il deserto
Dante a piedi e volando
Marco Bonatti

Dante a piedi e volando

La Commedia come racconto di viaggio