Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Compleanno del mondo ed esperienza di perdono

Elena Lea Bartolini
19 settembre 2008
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Oggi è il compleanno del mondo, oggi sono chiamate a giudizio tutte le creature della terra». Così sottolinea una delle preghiere della liturgia di Rosh ha-Shanah, il Capodanno religioso ebraico che quest’anno si celebra alla fine del mese di settembre. La ricorrenza non è legata ad alcun fatto storico relativo al popolo di Israele, ma vuol ricordare la creazione del mondo, quindi il «compleanno» della Terra che – sulla base di una particolare modalità di calcolo fissata dalla tradizione – sarebbe stata creata da Dio 5769 anni fa.

Tale festa, chiamata «giorno del suono» in quanto nelle sinagoghe si suona lo Shofar, il corno di ariete o montone in ricordo della «legatura» – del sacrificio non compiuto – di Isacco (cfr Gen 22,1ss.), è menzionata anche come «giorno del giudizio» e «giorno del ricordo»: a Rosh ha-Shanah infatti Dio prende in esame il comportamento di ogni uomo, le sue opere, i suoi pensieri, i suoi rapporti con il prossimo, la sua capacità di pentimento, per decidere del suo destino nell’anno a venire, decisione che assumerà il suo carattere definitivo il giorno di Kippur, il giorno della festa del perdono, sulla base del pentimento dimostrato e dell’impegno assunto durante i dieci giorni penitenziali che intercorrono fra questi due momenti. In tale intervallo di tempo ogni uomo è invitato a ricordare le azioni compiute durante l’anno appena trascorso, in modo da poter verificare il proprio comportamento e rimediare agli errori commessi attraverso la teshuvah, il «ritorno a Dio» che implica la riconciliazione con i propri simili, presupposto indispensabile affinché anche il Signore possa perdonare «ricordando» la fede e i meriti di Abramo: il digiuno del giorno di Kippur non può ottenere il perdono divino se non si arriva a quel momento già riconciliati con il prossimo. Ma c’è di più: durante queste festività la tradizione insegna che il popolo ebraico rappresenta tutta l’umanità davanti a Dio, diventando pertanto mediatore della Sua salvezza in prospettiva universale.

Rosh ha-Shanah e Kippur, note come «feste austere», sono pertanto vissute nell’orizzonte della speranza: si sperimenta il timore del giudizio divino ma, nello stesso tempo, ci si impegna in un cammino di conversione affinché Dio possa mettere la Sua «firma buona» a favore di ogni uomo nel «libro della vita», nella consapevolezza che ciò è possibile perché Egli stesso favorisce il nostro «ritorno» a Lui in quanto la Sua misericordia prevale sulla Sua giustizia, come attestato in un noto passo profetico: «Io [Dio] non desidero la morte del malvagio, ma che il malvagio ritorni dalla sua via [di peccato e morte] e viva» (Ez 33,11). Per questo la tradizione rabbinica insiste sull’importanza del pentimento precisando che: «Le porte della preghiera ora sono aperte ora sono chiuse, ma le porte del pentimento sono sempre aperte. Come il mare è sempre accessibile, così la mano del Santo, benedetto sia, è sempre aperta per ricevere i penitenti» (Devarim Rabbah II,12); un altro commento aggiunge che è come se Dio dicesse: «Figli miei, apritemi una via al pentimento stretta appena come la cruna di ago, ed Io vi aprirò porte per cui potranno passare carri e cocchi» (Shir ha-Shirim Rabbah V,2).

È nell’orizzonte di questo modo di intendere il perdono che anche Gesù di Nazaret ha potuto esprimersi riguardo la misericordia divina e l’importanza della riconciliazione che deve precedere ogni «offerta all’altare» (cfr Mt 5,22-24).

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
Meno è di più
Francesco Antonioli

Meno è di più

Le Regole monastiche di Francesco e Benedetto per ridare anima all’economia, alla finanza, all’impresa e al lavoro
Gesù non fu ucciso dagli ebrei

Gesù non fu ucciso dagli ebrei

Le radici cristiane dell’antisemitismo
La ricchezza del bene
Safiria Leccese

La ricchezza del bene

Storie di imprenditori fra anima e business
L’anima viaggia un passo alla volta
Stefano Tiozzo

L’anima viaggia un passo alla volta

Da Capo Nord all’Holi Festival, ventimila leghe intorno al mondo