Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Nel nord d'Israele, al confine con il Libano, sorge un antico villaggio che conserva una bella sinagoga e tracce della presenza cristiana.

Bar’am. Un gioiello di sinagoga

Chiara Tamagno
7 aprile 2008
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Bar’am. Un gioiello di sinagoga
La sinagoga di Bar'am, uno degli antichi luoghi di culto meglio conservati in Galilea. (foto C. Tamagno)

Un’ampia distesa erbosa tra ulivi e cipressi fa da cornice a un gioiello antico ancora ottimamente conservato: la sinagoga di Bar’am, situata nell’estremo nord di Israele, quasi al confine libanese. Fu meta di pellegrinaggi nel Medioevo per la festa di Purim, perché qui una tradizione colloca la tomba della regina Ester.

La storia di questo insediamento è piuttosto incerta, ma è evidente anche la presenza cristiana: Kefar Bar’am fu villaggio dei cristiani maroniti, che venne fatto evacuare nel 1948 dall’esercito israeliano. Poco distante dalla sinagoga, c’è ancora la chiesa, di architettura recente, oggi aperta solo in occasione di feste speciali.

La sinagoga è una delle meglio conservate in Israele: la porta di ingresso è rivolta verso Gerusalemme, secondo l’orientamento tipico delle sinagoghe della Galilea, e le decorazioni dell’architrave sono particolarmente suggestive. L’arco maestoso del portale principale conserva la bellezza di un elegante cesello, scalpellato dallo scultore sulla grigia pietra lavica: una serie  di grappoli d’uva, di piccole anfore, di motivi floreali. Anche all’interno è possibile ricostruire l’antico impianto a triplice colonnato che convergeva sul lato sud, dove probabilmente era posta l’arca. Gli archeologi non trovarono tracce della localizzazione dell’arca, ma  una statua raffigurante un maestoso leone fa pensare che l’Arca troneggiasse lì accanto, appunto sul lato sud.

Nel 1865 un gruppo di ricercatori inglesi scoprì una seconda sinagoga a Bar’am, più piccola, ad appena 300 metri dalla precedente, ma di cui restano solo le fondamenta. Il pezzo forse più interessante, l’architrave, è oggi conservato al Museo del Louvre. Si legge infatti la scritta incisa dall’autore: «Pace in questo luogo e in tutto Israele. Yosef Halevi figlio di Levi ha fatto quest’architrave. La sua opera sia benedetta. Pace».

Bar’am, oggi parco nazionale, conserva questo spirito di pace. Il visitatore sente il richiamo della storia e dell’arte e l’invito a sostare per godere di questa bellezza preservata dallo scorrere dei secoli.

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Perché l’Europa ci salverà
Bartolomeo Sorge, Chiara Tintori

Perché l’Europa ci salverà

Dialoghi al tempo della pandemia
Tabor
Giulio Michelini

Tabor

Il mistero della Trasfigurazione
Abbecedario biblico
Francesco Patton

Abbecedario biblico

Nutrirsi delle Scritture dall'A alla Z