Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Le relazioni che nascono e si affermano nella famiglia sono il vero strumento per rafforzare la pace tra le nazioni. Lo afferma Benedetto XVI che chiede nuovamente pace per il Medio Oriente.

Comunità di pace

padre Giorgio Vigna
18 gennaio 2008
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Comunità di pace
Manifestazione per la pace a Gerusalemme (J. Kraj, foto di repertorio)

Come ogni anno il Papa ha rivolto alle comunità ecclesiali e a tutti gli «uomini di buona volontà» un messaggio in occasione della Giornata mondiale della pace, che si celebra il primo gennaio. Il tema scelto è: «Famiglia umana, comunità di pace». La riflessione di Benedetto XVI tocca il centro dell’esperienza umana (la famiglia come prima forma di comunione tra un uomo e una donna, «prima agenzia di pace») e si allarga ad esaminare gli aspetti che le relazioni tra gli uomini generano. «Anche i popoli della terra – scrive il Papa –  sono chiamati ad instaurare tra loro rapporti di solidarietà e di collaborazione, quali s’addicono a membri dell’unica famiglia umana».

Rafforzare la famiglia, le relazioni che in essa nascono e si sviluppano, significa quindi coltivare la capacità di dialogo e di tolleranza, e rafforzare la pace nell’intera comunità nazionale e internazionale. E anche la «comunità sociale, per vivere in pace, è chiamata a ispirarsi ai valori su cui si regge la comunità familiare».  Dopo aver toccato le relazioni tra famiglia umana, ambiente, economia e legge morale, l’attenzione del Papa si è concentrata sul tema del «superamento dei conflitti», un argomento che tocca da vicino la realtà del Medio Oriente e della Terra Santa in particolare.

«L’umanità vive oggi, purtroppo, grandi divisioni e forti conflitti che gettano ombre cupe sul suo futuro. Vaste aree del pianeta sono coinvolte in tensioni crescenti, mentre il pericolo che si moltiplichino i Paesi detentori dell’arma nucleare suscita motivate apprensioni in ogni persona responsabile. Sono ancora in atto molte guerre civili nel Continente africano, sebbene in esso non pochi Paesi abbiano fatto progressi nella libertà e nella democrazia. Il Medio Oriente è tuttora teatro di conflitti e di attentati, che influenzano anche Nazioni e regioni limitrofe, rischiando di coinvolgerle nella spirale della violenza». Il Papa esorta  quindi «le autorità a riprendere con più ferma determinazione le trattative in vista dello smantellamento progressivo e concordato delle armi nucleari esistenti», e lancia un appello a ogni uomo e ogni donna affinché prenda «più lucida consapevolezza della comune appartenenza all’unica famiglia umana e ad impegnarsi perché la convivenza sulla terra rispecchi sempre di più questa convinzione da cui dipende l’instaurazione di una pace vera e duratura».

E ai credenti l’invito pressante a farsi interpreti dei veri valori della famiglia e ad «implorare da Dio senza stancarsi il grande dono della pace».

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora