Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Tecoa, fonte battesimale trafugato e ritrovato

padre Eugenio Alliata
16 novembre 2007
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Pochi chilometri a sudest di Betlemme, proseguendo sulla strada che passa accanto al palazzo-fortezza dell’Erodion, si raggiunge la località biblica di Tecoa, nota come la patria del profeta Amos (Am 1,1). Visitatori, studiosi e pellegrini cristiani in Terra Santa ne fecero mèta frequente dei loro viaggi, non solamente per l’associazione con il profeta ma anche a motivo della vicinanza della famosa Laura di San Caritone, frequentata dai monaci almeno fino al XIII secolo. Sappiamo che all’arrivo dei crociati gli abitanti cristiani della regione avevano fatto alleanza coi loro correligionari ma, dopo la partenza di questi, furono costretti ad abbandonare il posto ai margini del deserto, per concentrarsi in luoghi più sicuri.

In situ, tra le rovine, fu visto ed ammirato per secoli un reperto straordinario: un enorme blocco di pietra rosata, di forma ottagonale, scavato nel mezzo in forma di croce, ed elegantemente decorato con simboli cristiani. Sono queste le caratteristiche di un certo numero di fonti battesimali antichi della regione palestinese, concepiti per il battesimo ad immersione di adulti, secondo il rito bizantino. Le rovine comprendevano i resti di due edifici sacri che diverse relazioni di viaggio identificano uno  con il memoriale di Amos profeta, l’altro con una chiesa dedicata san Nicola. Il fonte battesimale apparteneva a quest’ultima chiesa, i cui resti dilapidati (muro con abside, frammenti di mosaici, pezzi di colonne sparse qua e là) si stendevano immediatamente a sud.

Ma a un certo punto (durante i primi anni Novanta del secolo scorso) il fonte non fu più visto. Una notte, approfittando forse di qualcuna delle frequenti chiusure imposte sui territori occupati dall’esercito israeliano dopo la rivolta palestinese, persone interessate al facile, ma illecito, guadagno che può procurare il furto di antichità, certamente con l’aiuto di potenti mezzi meccanici (il peso totale del blocco è di diverse tonnellate), strapparono a Tecoa il suo prezioso reperto.

Una relazione scritta da Jerry Levin, volontario dei Christian Peacemaker Teams tra i palestinesi di Hebron, ci informa sugli ulteriori sviluppi di questa storia che sembra si sia conclusa, per fortuna, in modo positivo, in quanto il fonte è ritornato a Tecoa, anche se non esattamente al suo posto originario. Sarebbero stati, dopo qualche tempo, gli abitanti stessi del villaggio musulmano ad improvvisarsi investigatori e a mettersi alla ricerca del loro prezioso retaggio culturale (cristiano, in questo caso). Il reperto è stato così individuato in un campo di Beit Jala, ai limiti del territorio palestinese, nascosto sotto uno spesso strato di foglie e di rami secchi ma, fortunatamente, ancora in attesa di prendere il volo verso chissà quali lontani lidi. Il peso, la singolarità e la fama del manufatto possono aver avuto un certo ruolo nell’impedirne una rapida collocazione sul mercato antiquario. Tanti altri oggetti antichi, vasi, monete, sculture, iscrizioni, gioielli…, purtroppo non hanno la medesima fortuna e vengono di spersi attraverso il commercio clandestino, favorito anche dall’instabilità politica della regione.

Chi vuole vedere, oggi, il famoso fonte battesimale di Tecoa deve recarsi presso il municipio (baladiyeh) del vicino villaggio arabo, che ha ereditato il nome stesso della città biblica (Tuqu‘). Lo dovrebbe trovare lì, in attesa di un posto nel costruendo museo archeologico locale, la cui istituzione è rimandata, chiaramente, a tempi migliori.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
Meno è di più
Francesco Antonioli

Meno è di più

Le Regole monastiche di Francesco e Benedetto per ridare anima all’economia, alla finanza, all’impresa e al lavoro
Gesù non fu ucciso dagli ebrei

Gesù non fu ucciso dagli ebrei

Le radici cristiane dell’antisemitismo
La ricchezza del bene
Safiria Leccese

La ricchezza del bene

Storie di imprenditori fra anima e business
L’anima viaggia un passo alla volta
Stefano Tiozzo

L’anima viaggia un passo alla volta

Da Capo Nord all’Holi Festival, ventimila leghe intorno al mondo