Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Siria, decimo Natale senza pace

Francesco Pistocchini
18 novembre 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Siria, decimo Natale senza pace
Le distruzioni della guerra visibili in una strada centrale di Aleppo nei pressi della Cittadella. (foto E. Bolognesi)

Una guerra non finita, occupazioni straniere, mancata ricostruzione, sanzioni internazionali, crisi economica e, ora, sanitaria. Nella Siria di oggi, in cui c'è chi soffre la fame, i cristiani rimasti vivranno un altro Natale alla ricerca di speranza


Servono enormi finanziamenti per la ricostruzione della Siria, ma non ci sono. Da una parte, gli alleati russi e iraniani del presidente al-Assad, che sono stati determinanti per permettere a Damasco di riprendere il controllo di gran parte del Paese, non hanno la forza economica o l’interesse politico per grandi investimenti di ricostruzione. Dall’altra parte, ad aggravare questo quadro tragico, c’è la messa in atto da parte degli Usa del Caesar Act: una serie di sanzioni rivolte contro l’élite politica ed economica e gli imprenditori internazionali che collaborano con il presidente siriano. Queste misure in vigore da giugno si aggiungono alle sanzioni che l’Occidente ha imposto da anni alla Siria. Tutto questo ha ripercussioni sulla vita della gente.

Nella regione di Idlib, controllata da ribelli jihadisti, la guerra non è finita e ci sono porzioni di Siria ancora occupate da potenze straniere. Per tutto questo non si può parlare ancora di pace in Siria. Come ha ricordato il nunzio apostolico a Damasco, cardinale Mario Zenari, in un discorso fatto a Roma in ottobre, «sul suolo e nei cieli siriani operano tuttora cinque forze armate di Paesi in disaccordo tra loro».

Gli sfollati all’interno della Siria, secondo l’Onu, sono 6,7 milioni, un numero gigantesco per un Paese che prima della guerra aveva 21 milioni di abitanti.

Abbiamo raccolto le voci di alcuni religiosi e religiose che affrontano, insieme alle loro comunità cristiane e anche ai musulmani vicini a loro, le difficoltà di ogni giorno. Si fanno portavoce di problemi enormi che rischiano di finire sotto silenzio, mentre il resto del mondo è distratto dalle preoccupazioni per la pandemia.

Come sarà il decimo Natale dall’inizio della guerra? Nell’accompagnamento spirituale e nella realizzazione di progetti concreti, i religiosi sono accanto ai cristiani rimasti.

Eco di Terrasanta 6/2020
Novembre-Dicembre 2020

Eco di Terrasanta 6/2020

«I nostri due mesi blindati nel Santo Sepolcro»
Giampiero Sandionigi

«I nostri due mesi blindati nel Santo Sepolcro»

Un memoriale redatto da uno dei francescani della fraternità che abita nella basilica del Santo Sepolcro racconta la vita del santuario ai tempi del coronavirus. Una parentesi insolita, trascorsa nella preghiera.

Non un ottimo Cv, ma un «sì» libero
frate Francesco Ielpo ofm

Non un ottimo Cv, ma un «sì» libero

Pietro apostolo fa esperienze continue della propria fragilità e finitudine, ma non smette mai di desiderare di stare vicino a Gesù. Diventa papa perché, alla domanda «Mi ami tu?», risponde convinto «Sì».

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Tabor
Giulio Michelini

Tabor

Il mistero della Trasfigurazione
Abbecedario biblico
Francesco Patton

Abbecedario biblico

Nutrirsi delle Scritture dall'A alla Z
Il nonno e la bambina
Roberto Piumini

Il nonno e la bambina