Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Vivere l’emergenza con creatività

suor Lucia Corradin
26 maggio 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Vivere l’emergenza con creatività

Nelle ultime settimane a Betlemme il Caritas Baby Hospital ha continuato a funzionare malgrado l’emergenza coronavirus. In collaborazione con il comitato delle Infezioni ospedaliere, si sono definite le procedure per gestire i casi di Covid-19.


II coronavirus ha raggiunto anche la Cisgiordania. Inizialmente ad esserne più colpite sono state Betlemme e le città vicine, ma poi anche Ramallah, Hebron e qualche villaggio della Samaria. Fino al 25 aprile i casi confermati erano 342. Ad essi se ne aggiungono di continuo di nuovi, sospetti. Dal 5 marzo le autorità locali hanno decretato lo stato di emergenza e l’esercito israeliano ha chiuso l’accesso a Betlemme e i collegamenti con Gerusalemme. Considerata la gravità della situazione, l’Autorità palestinese ha deciso di aprire i laboratori certificati per i test diagnostici. Per il distretto di Betlemme, la scelta è caduta su quello del Caritas Baby Hospital. Con questa decisione l’autorità locale ne riconosce il valore.

Siamo consapevoli che è nostro dovere, sia etico che professionale, rendere servizio a tutta la società. Per assicurare la normale operatività ed evitare i rischi di contagio a pazienti, familiari e personale, i test per il Covid-19 vengono eseguiti in un locale separato dall’ospedale. In collaborazione con il ministero palestinese della Sanità, che manda i campioni da esaminare, ma non le persone, le analisi vengono eseguite secondo i protocolli e sotto la sorveglianza del laboratorio ospedaliero.

Il Caritas Baby Hospital continua a funzionare malgrado l’emergenza. In collaborazione con il comitato delle Infezioni ospedaliere, si sono definite le procedure per gestire i casi sospetti di Covid-19 e trattare i casi positivi. Si continua senza sosta a rassicurare e formare il personale soprattutto sul corretto uso degli ausili sanitari da indossare. Finora abbiamo avuto sette casi sospetti tra i nostri bimbi, ma nessuno poi è risultato positivo. Andando avanti con queste restrizioni, si pone il dovere di difendere il personale da ogni forma di burnout per quanto possibile, offrendo percorsi formativi, o anche solo dei momenti di relax con la musica. È il personale il nostro principale «capitale» e, grazie a Dio finora è rimasto immune dal virus.

Anche noi siamo stati colti di sorpresa dall’emergenza, remiamo nella stessa barca e cerchiamo di essere vigilanti come le «sentinelle» per adottare soluzioni pertinenti. Non smettiamo di sperare e di essere creativi. In che modo? Coinvolgendo il nostro staff a pensare, a proporre e inventare soluzioni nuove. Il nostro personale della lavanderia prepara mascherine di stoffa per il personale non medico; le educatrici della sala giochi raccontano a mo’ di favola cosa è il coronavirus ai malati e familiari; medici e infermieri raccontano come vivono questa esperienza di emergenza attraverso i social media; le festività religiose vengono valorizzate con messaggi di speranza e semplici decorazioni fatte dal personale dell’asilo nido.

Purtroppo, anche Betlemme uscirà profondamente ferita da questa emergenza e ancora una volta saranno i piccoli imprenditori, i poveri e la popolazione vulnerabile (bambini, malati, anziani) a restarne maggiormente colpiti. Betlemme vive di turismo e donazioni internazionali e quindi la povertà crescerà. Sarà un «dopoguerra» dove non ci saranno da costruire case, ma ritessere legami, cercare nuove reti di solidarietà ed essere creativi nell’ideare progetti locali di microcredito. Anche la nostra struttura sanitaria resterà ferita. Nel frattempo, teniamo acceso il diritto alla speranza, la fiducia in Dio Padre che non ci abbandona mai.

Terrasanta 3/2020
Maggio-Giugno 2020

Terrasanta 3/2020

Il sommario dei temi toccati nel numero di maggio-giugno 2020 di Terrasanta su carta. Con un dossier dedicato alla Biblioteca della Custodia di Terra Santa e al suo patrimonio di volumi e documenti antichi, da valorizzare anche in formato elettronico. Buona lettura!

Un tesoro di biblioteca
AA.VV.

Un tesoro di biblioteca

La storica biblioteca della Custodia di Terra Santa è uno dei suoi tesori nascosti. Si tratta in effetti della più antica biblioteca del Paese. La biblioteca fu trasferita nel convento francescano di San Salvatore negli anni 1560-61.

Luce sulle vetrate di Nazaret
Guillaume Genet

Luce sulle vetrate di Nazaret

Benché la inondino di riflessi colorati, le 53 vetrate della basilica superiore dell’Annunciazione a Nazaret sono poco conosciute. Cinquant’anni dopo l’inaugurazione della basilica, cerchiamo di saperne di più sulla loro storia e sugli artisti che le realizzarono

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il libro delle preghiere che guariscono

Il libro delle preghiere che guariscono

Le parole che curano e consolano da tutte le fedi e le culture