Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Servi del Signore, senza compromessi

g.c.
25 febbraio 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Servi del Signore, senza compromessi
In preghiera per l'unità dei cristiani, presso la concattedrale latina di Gerusalemme. Al centro, con i paramenti liturgici, mons. Pierbattista Pizzaballa. (foto N. Asfour/Cts)

Dal 25 gennaio al 2 febbraio, a Gerusalemme i cristiani si sono riuniti in occasione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani. Nelle parole di mons. Pizzaballa un richiamo anche alla comunità cristiana locale.


Com’è ormai tradizione, a gennaio si tiene anche a Gerusalemme la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani. Iniziata al Santo Sepolcro sabato 25 gennaio, si è conclusa il 2 febbraio presso la chiesa greco-cattolica dell’Annunciazione.

Durante questa settimana, i fedeli delle diverse Chiese di Gerusalemme si sono incontrati e hanno pregato per l’unità dei cristiani di tutto il mondo, ma specialmente per quelli della Terra Santa. Presso il Patriarcato latino di Gerusalemme, la celebrazione si è tenuta mercoledì 29 gennaio. Qui il l’arcivescovo Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico, ha tenuto un’omelia nella quale, anche con una certa severità, ha denunciato le divisioni e le ostilità che da secoli sono vere e proprie ferite nell’unico corpo della Chiesa. «Le nostre divisioni sono l’evidente dimostrazione che nel nostro parlare, nei nostri orientamenti e nelle nostre strategie, il riferimento principale non è Gesù e l’ascolto del suo insegnamento ma, nel migliore dei casi, la nostra idea di Gesù.

Sappiamo molto bene, infatti, dalla storia che abbiamo ascoltato più noi stessi, gli interessi di carattere politico, la paura di perdere il potere acquisito. Più che servire Gesù, ci siamo serviti di Gesù».

E ancora: «Gerusalemme non è mai stato il luogo dove queste divisioni sono nate. Le divisioni sono nate nei vari centri di potere: da Roma a Costantinopoli, dall’Asia, fino al Nord Europa e nelle altre parti del mondo. Gerusalemme, tuttavia, è il luogo dove le divisioni sono confluite e dove questa ferita profonda nell’unico Corpo di Cristo, la Chiesa, è evidente, tangibile e dolorosa». Non siamo ancora in grado di condividere il Pane eucaristico tra di noi – ha rimarcato il vescovo – e «la strada per ritrovarci è ancora lunga».

L’omelia di mons. Pizzaballa ha avuto una certa eco anche al di fuori di Gerusalemme. Sicuramente le comunità cristiane in Terra Santa sono più unite e solidali rispetto ai tempi passati. La qualità delle relazioni è certamente migliorata, ma è quanto mai importante rafforzare gli elementi di unità ed eliminare ciò che divide. Di qui un impegno che non deve conoscere pause o disimpegni.

«Questo – ha concluso il presule – significa sporcarsi le mani, compromettersi, coinvolgersi, mettere la nostra vita nelle mani di chi ci è affidato, delle nostre comunità così come sono, dimentichi di noi stessi, pagando a volte un prezzo non indifferente, in termini di relazioni, incomprensioni, opposizioni, solitudini… Del resto, fare dono di sé, significa anche un po’ morire, come Gesù sulla croce. Non si fa dono di sé, senza pagare alcun prezzo. Non dimentichiamo che l’Eucarestia è anche sacrificio».

Eco di Terrasanta 2/2020
marzo-aprile 2020

Eco di Terrasanta 2/2020

Una comunità in cammino sulla Via della croce
frate Francesco Patton *

Una comunità in cammino sulla Via della croce

La Colletta del Venerdì Santo, che si tiene quest’anno il 10 aprile, richiama i credenti di tutto il mondo alla responsabilità di sostenere le comunità di Terra Santa, che anche oggi vivono difficoltà e pesanti discriminazioni.

Gesù incontrato in un sorriso
frate Francesco Ielpo *

Gesù incontrato in un sorriso

Le prove più dure dell’esistenza, come accettare che la vita terrena finisce, si possono superare anche grazie a piccoli inaspettati incontri che fanno dire: «Signore, sia fatta la tua volontà»

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Meno è di più
Francesco Antonioli

Meno è di più

Le Regole monastiche di Francesco e Benedetto per ridare anima all’economia, alla finanza, all’impresa e al lavoro
Gesù non fu ucciso dagli ebrei

Gesù non fu ucciso dagli ebrei

Le radici cristiane dell’antisemitismo
La ricchezza del bene
Safiria Leccese

La ricchezza del bene

Storie di imprenditori fra anima e business
L’anima viaggia un passo alla volta
Stefano Tiozzo

L’anima viaggia un passo alla volta

Da Capo Nord all’Holi Festival, ventimila leghe intorno al mondo