Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il mondo perduto del sommacco

Paola Caridi
15 gennaio 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il mondo perduto del sommacco

Il sommacco è una di quelle spezie che costituiscono gli stessi pilastri dell’immaginario in Medio Oriente. Un tempo era molto presente anche nella nostra cucina mediterranea. Com'è che l'abbiamo emarginato?


Chissà se per comprendere questo Mediterraneo slabbrato e frammentato non si debba tornare indietro nel tempo. Chissà se non si debba tornare alla lingua comune perduta, fatta di oggetti, colture, modi di vivere e di lavorare, e – perché no? – di cucinare. Il destino degli uomini e delle donne, a ben guardare, va di pari passo con la sorte subita da piante e spezie, fatti salvi i grandi numi botanici. L’olivo, l’uva, il grano.

Che ne è, per esempio, del sommacco? Chi se lo ricorda? Eppure, l’arbusto ora considerato infestante era, per l’Italia, un piccolo tesoro dal punto di vista delle esportazioni. Quando le pelli si tingevano con prodotti naturali, il sommacco era fondamentale. Conteneva quantità elevatissime di tannino. Esistevano, ed esistono, tappeti ad ago che dal sommacco e dal suo colore hanno preso il nome, diffusi dal Marocco alla Turchia. Tappeti a cui si è ispirato, per le sue finestre, un genio come Frank Lloyd Wright.

Il migliore di tutti era il sommacco siciliano. Lo esportavamo in Inghilterra, ma anche verso gli Stati Uniti e la Francia. Nei primi decenni dell’Ottocento l’export di sommacco era subito dopo la voce «grano». I Florio, sì, proprio loro, i protagonisti dell’industria siciliana tra Otto e Novecento, avevano addirittura creato nel 1899 la Società per l’Esportazione dei Sommacchi di Sicilia. Avevano ridato dignità al prodotto (caduto in disgrazia perché veniva commerciato mescolando foglie di altre piante), avevano creato mulini per la macinatura e poi, in sostanza, controllato l’export italiano.

I vecchi contadini siciliani si ricordano bene del sommacco. Usavano le foglie dentro le scarpe, quando andavano in campagna, per assorbire il sudore. Ricordano anche i commercianti che arrivavano per comprare il raccolto.

Poi, più nulla. Il sommacco è divenuta adesso una pianta da sradricare perché infestante. Tutto il contrario di quello che succede appena si attraversa il mare, perché in tutta la cucina mediorientale il sommacco è una di quelle spezie indispensabili. Per le insalate, per i piatti di carne, per le minestre nella cucina iraniana, per il pollo in versione m’sakhan del menu palestinese. E lo si mette, tra gli altri, sullo hummus e sul mutabbal, due dei piatti indispensabili tra gli antipasti, nel Levante.

Il sommacco è ancora, insomma, una di quelle spezie che costituiscono gli stessi pilastri dell’immaginario, in Medio Oriente. «Nel suo sogno in frantumi, la terra è una tunica cucita da un ago di sommacco», scriveva Mahmoud Darwish in uno dei suoi poemi, mettendo la spezia acidula, così simile come profumo a quello del limone, accanto agli olivi imponenti, al grano, al melograno.

È un semplice dettaglio, il sommacco. Una polvere dall’affascinante colore rosso scuro, violaceo, evanescente perché è polvere eppure, allo stesso tempo, segno di una dimenticata sapienza diffusa, composta da uomini e donne senza nome che per secoli e millenni hanno usato modi simili di vivere. Di condurre un’esistenza spesso semplice e povera. Dov’è andato, dunque, il mondo perduto del sommacco? Perché saperi antichi sono andati alla deriva, verso un naufragio doloroso e ineluttabile, assieme alla nostra grammatica dello stare insieme?

L’oblio del sommacco è l’oblio delle relazioni, del commercio, del viaggio. È il segno di quello che non siamo più, e che dovremmo ricostruire con altri segni, contemporanei, nostri, e altrettanto forti.

Terrasanta 1/2020
Gennaio-Febbraio 2020

Terrasanta 1/2020

Il sommario dei temi toccati nel numero di gennaio-febbraio 2020 di Terrasanta su carta. Con un dossier dedicato alle minacce e ai danni al patrimonio archeologico e artistico in Medio Oriente. Buona lettura!

Un patrimonio da salvaguardare
Giuseppe Caffulli

Un patrimonio da salvaguardare

In Medio Oriente le guerre (soprattutto in Siria e Iraq) stanno lasciando ferite mortali anche nel patrimonio culturale e in ciò che costituisce l’identità dei popoli che abitano quelle terre.

I martiri di Marrakech
Filippo Sedda *

I martiri di Marrakech

Il 16 gennaio 2020 ricorre l’ottavo centenario dei Protomartiri francescani, i primi frati, tutti umbri, che trovarono la morte in Marocco. Un episodio, a lungo dimenticato, che sta all’origine della vocazione francescana di Antonio da Padova e che divenne modello da imitare anche per Chiara d'Assisi.

Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il libro delle preghiere che guariscono

Il libro delle preghiere che guariscono

Le parole che curano e consolano da tutte le fedi e le culture