Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il Tempio e il mistero della «pietra nuda»

fra Eugenio Alliata ofm
17 novembre 2017
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il Tempio e il mistero della «pietra nuda»
Il plastico del Tempio di Gerusalemme esposto presso il Museo di Israele.

La maggior parte delle nostre conoscenze circa l’antico Tempio ebraico derivano più dalle fonti letterarie che non dall’archeologia.


Il Tempio di Gerusalemme usava occupare in antico una posizione dominante non solo nella vita degli abitanti della città di Gerusalemme, ma dell’intera nazione ebraica. Una tassa di mezzo sheqel era raccolta ogni anno da ogni ebreo adulto in favore del Tempio (Matteo 17,24). Il Tempio era un luogo di incontro e di pellegrinaggio soprattutto durante le feste di Pasqua, delle Capanne e di Pentecoste. I rabbini hanno poi arricchito il sito di memorie ponendovi la «roccia di fondazione» del mondo, il sacrificio di Abramo sul Moria (Genesi 22) e il sogno di Giacobbe a Betel (Gen 28,11-19). I musulmani vi riconoscono la moschea «più lontana» (al-Aqsa) e il luogo della «ascensione di Maometto». I religiosi ebrei ritengono che, dopo la distruzione dei primi due templi, il Messia stesso provvederà alla fornitura di un terzo Tempio, che scenderà dal cielo già completato in tutte le sue parti.

Diversi episodi dei Vangeli e degli Atti degli Apostoli si sono svolti neI portici e nei cortili del Tempio. Come ogni primogenito maschio anche Gesù venne presentato nel Tempio (Luca 2,21-24), alla Porta dei Primogeniti, sul lato sud del cortile più interno dove si offrivano i sacrifici. All’età di dodici anni, sotto uno dei portici, Gesù si intrattenne tra i Saggi, ascoltandoli e facendo loro domande (Lc 2,42-47). Il luogo della tentazione di Cristo dal punto più alto («pinnacolo») del Tempio (Mt 4, 5-6; Lc 4,9-12) è stato indicato nell’angolo sudorientale del recinto.

Nel portico a oriente (detto «di Salomone») Gesù passeggiava durante la festa della Dedicazione (Giovanni 10,22-24) quando contese con i giudei circa la sua messianicità. La posizione delle bancarelle dei venditori (Mt 21,12; Mc 11,15; Lc 19,45-48; Gv 2,13-25) potrebbe essere stata nel portico sud, detto Portico Reale. A quanti ammiravano le belle pietre e i doni votivi di cui il Tempio era ornato, Gesù risponde: «Non resterà pietra su pietra» (Mc 13,1-2; Lc 21,5-6) indicandone la caducità. La sua costruzione, durata quarantasei anni e mai veramente terminata, è presa da Gesù come immagine di sé stesso (Gv 2,19-20), tempio non fatto da mano d’uomo (Mc 14,58) e destinato a risorgere al terzo giorno.

La maggior parte delle nostre conoscenze circa l’antico Tempio ebraico derivano più dalle fonti letterarie che non dall’archeologia; gli autori moderni tuttavia non mancano di appigliarsi a tutti gli elementi ancora in qualche modo visibili per ricostruirne l’apparenza. Aiuta in qualche modo dividere lo spazio interno in «spianata», l’Haram al-Sharif, un’area delimitata quasi dovunque dagli stessi muri erodiani, e «piattaforma», o mastaba, per la parte centrale sopraelevata. Anche in antico si usava passare per aree via via sempre più elevate, attraversando i diversi cortili dello hieron, fino a raggiungere il naos, cioè il Tempio vero e proprio.

Circa la posizione occupata dagli edifici più interni, ci sono almeno una buona dozzina di differenti ipotesi proposte dagli studiosi. Le principali differenze riguardano il significato della pietra nuda che si trova sotto la Cupola della Roccia, che secondo alcuni potrebbe indicare il luogo dell’altare oppure il Santo dei Santi…

A motivo dell’incertezza sulla posizione esatta del Tempio all’interno della spianata i rabbini mantengono una proibizione generale all’ingresso, per non rischiare di calpestare il «luogo più santo». Per altri non ci sarebbe invece problema: basta, una volta sulla spianata, rimanere ai margini del recinto.

Terrasanta 6/2017
Novembre-Dicembre 2017

Terrasanta 6/2017

Il sommario dei temi toccati nel numero di novembre-dicembre 2017 di Terrasanta su carta. Tutti i contenuti, dalla prima all’ultima pagina, ordinati per sezioni. Buona lettura!

La terza via di Kobane
Andrea Milluzzi

La terza via di Kobane

In quello che i curdi siriani chiamano Rojava, si cerca di portare avanti la costruzione di una società più giusta oltre a una graduale riconquista della propria identità.

La Sacra Famiglia sulle rive del Nilo
Alberto Elli

La Sacra Famiglia sulle rive del Nilo

Quali sono le fonti della tradizione che narra il pellegrinare di Giuseppe, la Vergine Maria e il bambino Gesù in Egitto? E quali le tappe di quel viaggio?

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta (fino al 2005 La Terra Santa) compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Una nuova strada
Cristiana Dobner

Una nuova strada

Carlo Maria Martini, gli Esercizi e la Parola
Grecia

Grecia

Luoghi cristiani e itinerari paolini
Il libro della vita
Alberto Mello

Il libro della vita

Leggere i Salmi
Preferivo le cipolle
Giorgio Bernardelli

Preferivo le cipolle

Dieci obiezioni (da sfatare) a un viaggio in Terra Santa