Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Pizzaballa: «Sarò un vescovo aperto a tutti»

Giampiero Sandionigi
23 settembre 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Pizzaballa: «Sarò un vescovo aperto a tutti»
La processione d'ingresso dell'ordinazione episcopale di mons. P. Pizzaballa a Bergamo il 10 settembre 2016. (foto lpj.org)

Cronaca dell'ordinazione episcopale di mons. Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del patriarcato latino di Gerusalemme, avvenuta il 10 settembre 2016 a Bergamo.


La grazia dello Spirito Santo in azione e l’affetto palpabile dei tanti amici ed estimatori presenti fisicamente o spiritualmente (il rito era trasmesso in diretta da Telepace e la registrazione integrale è ancora disponibile nell’Internet su YouTube) hanno reso il pomeriggio del 10 settembre 2016 a Bergamo particolarmente gioioso. Alle 16.00 ha avuto inizio la Messa per l’ordinazione episcopale di mons. Pierbattista Pizzaballa – già Custode di Terra Santa dal 2004 al 2016 – nominato dal Papa amministratore apostolico del patriarcato latino di Gerusalemme.

A presiedere il rito il cardinal Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali, affiancato dal vescovo di Bergamo, mons. Francesco Beschi, e dal patriarca latino emerito di Gerusalemme, mons. Fouad Twal. I vescovi concelebranti erano una trentina, giunti da varie parti d’Italia e del Medio Oriente. Tra questi anche vari nunzi apostolici, gli arcivescovi maronita e melchita di Terra Santa (rispettivamente mons. Moussa El-Hage e mons. George Bacouni), alcuni dei vescovi ausiliari e vicari del patriarcato latino di Gerusalemme. Decine e decine i sacerdoti, con una piccola delegazione del clero patriarcale gerosolimitano e i frati minori, inclusi il ministro generale dell’Ordine, fra Micheal Perry, e il Custode di Terra Santa, fra Francesco Patton, che assisteva l’ordinando insieme con il parroco di Cologno al Serio – dove il neo arcivescovo nacque 51 anni fa – mons. Emilio Zanoli. Ospite gradito il metropolita Nektarios, inviato da Teofilo III, patriarca greco-ortodosso di Gerusalemme. Tra le autorità erano presenti i rappresentanti diplomatici di Cipro, Palestina e Giordania presso la Santa Sede. Assenti giustificati gli israeliani, ligi alle prescrizioni religiose ebraiche riguardo allo shabbat. Numerose anche le religiose e i religiosi, tra i quali madre Ines Al-Yacoub, superiora generale delle suore del Rosario (congregazione nata proprio a Gerusalemme e composta unicamente da religiose arabe); la responsabile internazionale delle Piccole sorelle di Gesù, suor Maria Chiara Ferrari, e un gruppo di monaci e monache della Piccola famiglia dell’Annunziata, fondata da don Giuseppe Dossetti e molto legata alla Terra Santa.

Nel saluto iniziale mons. Beschi ha espresso la gioia di tutta la comunità diocesana e menzionato le parole di un altro bergamasco, il giovane don Angelo Roncalli, futuro papa Giovanni XXIII. Durante un pellegrinaggio diocesano in Terra Santa, nel settembre-ottobre 1906, ammirava Gerusalemme: «la Città Santa per eccellenza, prima ancora che Roma si potesse chiamare Santa, e nessuna città della terra può sostenere il confronto con lei per le sue memorie, per i suoi monumenti religiosi, per la luce che da essa irradia» (cfr. Angelo Roncalli, Viaggio in Terra Santa, Edizioni Terra Santa, 2016, p. 79 – ndr). Il vescovo ha augurato a mons. Pizzaballa di poter alimentare con il suo ministero quella luce speciale a cui Roncalli faceva riferimento. L’ordinando indossava una croce pettorale donata dalla sua diocesi d’origine, copia dell’antica Croce di san Procolo, un manufatto del IX o X secolo conservato nel tesoro del Duomo.

Commentando le letture appena proclamate nell’omelia, il cardinal Sandri ha detto tra l’altro: «Il Vescovo, superato il senso di inadeguatezza e confermato nell’assoluto primato della grazia, di cui ha fatto egli per primo esperienza, passa annunciando la consolazione che viene da Dio (…). Tanti cuori in Terra Santa e particolarmente nel territorio del Patriarcato latino hanno sete di giustizia e di pace: dimensioni fondamentali del vivere umano, che prima ancora che rivendicate come diritto dagli altri devono essere desiderate e operate nei rapporti dentro la Chiesa e tra le Chiese, oltre che con i credenti ebrei e musulmani. Essere Vescovo per la Chiesa Latina che è in Gerusalemme, amministrandola a nome e per conto del Santo Padre, come pure guidando l’Assemblea degli Ordinari cattolici di Terra Santa, è compito senz’altro arduo, ma potrà essere vissuto pieno di gioia e di serena determinazione, perché ancorati nella Parola del Signore e non nei nostri progetti umani».

Prima della benedizione finale hanno preso la parola il metropolita Nektarios e mons. Pizzaballa. Il primo ha portato il saluto e la vicinanza del patriarca Teofilo III, che ancora una volta ha espresso pubblicamente la sua stima e gratitudine per come il neo arcivescovo ha saputo promuovere le relazioni ecumeniche a Gerusalemme durante il suo mandato di Custode di Terra Santa. Parole accompagnate dal dono di una croce pettorale.

Pizzaballa, commosso ma con voce sciolta, ha ringraziato tutti e ripercorso le tappe essenziali della sua vocazione. Guardando al ministero che lo attende, Pizzaballa ha detto: «Qui dico con fiducia e convinzione il mio voler essere per tutti! (…) Per quanti mi sono affidati, innanzitutto, per quanti condividono l’amore e la sollecitudine per il Medio Oriente, per ebrei e musulmani, per i più poveri, per la Chiesa intera cui il mio ministero mi consegna in modo speciale. Nello stemma che ho scelto ho voluto mettere solo due cose: Gerusalemme e la Parola. Dalla Parola desidero iniziare e fondare il ministero che mi è stato assegnato perché poco alla volta ci plasmi, come ha fatto dall’inizio per generazioni di credenti, e illumini le nostre scelte, le nostre relazioni e le nostre città dove è calata la vita di noi tutti, soprattutto su Gerusalemme, che ci richiama tutti. E Gerusalemme. Chiedo, insieme a tanti, pace per Gerusalemme ma soprattutto la pace di Gerusalemme, che è la pace offerta nel cenacolo della Cena e di Pentecoste: pace che non è soppressione delle differenze, annullamento delle distanze, ma nemmeno tregua o patto di non belligeranza, garantito da accordi o separazioni. Chiedo una pace che sia accoglienza cordiale e sincera dell’altro, volontà tenace di ascolto e di dialogo, strade aperte su cui la paura e il sospetto cedano il passo alla conoscenza, all’incontro e alla fiducia, dove le differenze siano opportunità di compagnia e non pretesto per il rifiuto reciproco. Mi impegnerò perché, anche grazie al mio servizio in quella terra, sorga per tutta la chiesa e sugli uomini di quella terra, la pace di Gerusalemme!».

Terrasanta 5/2016
Settembre-Ottobre 2016

Terrasanta 5/2016

Eccovi il sommario dei temi toccati nel numero di settembre-ottobre 2016 di Terrasanta su carta. Tutti i contenuti, dalla prima all’ultima pagina, ordinati per sezioni. Buona lettura!

Sebaste regina di Samaria
Claire Burkel

Sebaste regina di Samaria

Le rovine di Sebaste non sono semplici da comprendere. Ma il pellegrino in Terra Santa non si perda questo gioiello, dove risuonano ancora le voci dei profeti Amos e Osea.

Ripartire da Assisi
AA.VV.

Ripartire da Assisi

A trent’anni dall'incontro di Assisi del 1986 Papa Francesco chiama nuovamente le religioni ad un confronto e ad una preghiera comune per la pace.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme