Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Giovani per una vita nuova

2 maggio 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Giovani per una vita nuova
Nabil insieme a Samia, Denise e Nesrine. (foto Marco Gavasso/CTS)

A Nazaret, da qualche anno, è nata una comunità di laici consacrati attenti al dialogo ecumenico e desiderosi di vivere il Vangelo a partire dall’identità araba.


La tradizione della Chiesa e gli insegnamenti del concilio Vaticano II apprezzano e incoraggiano la libertà associativa dei fedeli laici e la nascita di esperienze di consacrazione a servizio del popolo di Dio. Tramite queste esperienze lo Spirito Santo vivifica la Chiesa e la rende feconda in vista della missione evangelizzatrice a cui tutti i fedeli sono chiamati. Ecco perché è decisamente una «buona notizia» la nascita di una nuova comunità di laici in Terra Santa. Si chiamano Comunità di Vita nuova. Sono giovani arabi appartenenti a diverse confessioni cristiane, animati da un forte desiderio di unità della Chiesa e da una profonda attenzione verso l’inculturazione della fede nella società arabo-palestinese. Li abbiamo incontrati per farci raccontare la loro storia, che inizia con un incontro.

«Nella mia città – spiega Nabil Abu Nicolas – viveva un sacerdote che ammiravo molto, padre Faraj Nakhleh. Ero ancora molto giovane quando gli diagnosticarono la sclerosi multipla. Nel 1993 – allora avevo 24 anni – padre Faraj rientrò dall’estero dopo un’assenza di tre anni. La malattia era molto progredita, e aveva bisogno di continua assistenza. Un prete, quando ormai era entrato in coma, ci invitò a fargli visita. Ci andai insieme ad altri. Mentre eravamo lì, si svegliò. Mi riconobbe e mi parlò. Sentii allora che dovevo lasciare tutto per aiutarlo. Fin da piccolo ho sentito il richiamo a una vita consacrata. Stavo per ritirarmi in un monastero in Libano, dove ero già stato accettato. Poco dopo, iniziammo a vivere insieme, io e padre Faraj. Per me quello fu un periodo straordinario, di pace e di preghiera. Volevo aiutarlo ad andare avanti con la sua vita, non solo in quanto uomo, ma anche come sacerdote. Il vescovo di allora mi autorizzò a svolgere qualsiasi incarico di cui padre Faraj potesse avere bisogno per poter svolgere la propria missione. Un anno dopo, il padre ricevette nella preghiera una ispirazione: la nostra esperienza si sarebbe chiamata Comunità di Vita nuova».

Oggi la comunità di Nazaret è formata da cinque consacrati, sia ragazzi che ragazze. Il loro impegno di servizio e preghiera si sviluppa soprattutto nell’accompagnamento delle realtà locali, siano esse cattoliche, ortodosse o evangeliche. Il tutto con una forte attenzione alla cultura e alla tradizione araba. Perché solo a partire dalla storia bimillenaria della presenza cristiana in questa terra, i giovani arabi cristiani sapranno trovare le motivazioni per vivere la propria fede e la propria identità.

Eco di Terrasanta 3/2016
Maggio-Giugno 2016

Eco di Terrasanta 3/2016

Il Mistero che fa nuova ogni cosa
fra Alberto Joan Pari ofm

Il Mistero che fa nuova ogni cosa

Nei Vangeli non vi è la descrizione del momento glorioso della Risurrezione. Ma la tradizione orientale ci parla per simboli della vittoria sulla morte.

Il Papa tra i profughi a Lesbo, viaggio ecumenico e triste
Giampiero Sandionigi

Il Papa tra i profughi a Lesbo, viaggio ecumenico e triste

Dalla Grecia un appello a tre voci ai popoli e ai leader politici per la dignità dei migranti in Europa e la pace nelle terre del Medio Oriente.

Nazaret e Loreto. Due note, una melodia
Giuseppe Santarelli

Nazaret e Loreto. Due note, una melodia

Il santuario marchigiano è uno dei luoghi più visitati del mondo, «vero cuore mariano della cristianità», ebbe a dire Giovanni Paolo II. In un libro il legame di fede con la Terra Santa.

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Il libro delle risposte della fede
MichaelDavide Semeraro

Il libro delle risposte della fede

Domande scomode a Dio e alla Chiesa
Il Santo e il Sultano

Il Santo e il Sultano

Damietta, l’attualità di un incontro