Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Pane azzimo ed erbe amare per fare memoria

21 aprile 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Pane azzimo ed erbe amare per fare memoria
Giovani ebrei intenti alla preparazione del pane azzimo per Pesach. (foto: Yonatan Sindel/Flash 90)

La Pasqua ebraica, Pesach, cade quest’anno dal 23 al 30 aprile. La festività, che ricorda l’esodo del popolo ebraico e la fine della schiavitù in Egitto, viene solitamente celebrata in famiglia. Secondo gli usi ebraici, prima dell’inizio di Pesach è necessario impegnarsi nell’eliminare qualsiasi cibo contenente lievito dalla propria alimentazione. Un regime mantenuto per tutto il corso della festività. Nel corso delle sere di Pesach si svolge il Seder, la cena che segue un preciso ordine rituale durante il quale si alterna cibo, lettura dell’Haggadah pasquale e la preghiera. Per la tradizione, il lievito è segno dell’istinto malvagio che abita nell’uomo. Di qui l’estrema cura mostrata dagli ebrei ultraortodossi del quartiere di Mea Shearim, a Gerusalemme, nel preparare le matzot (i pani azzimi) che sostituiscono il pane durante la Pasqua e accompagnano le maror, le erbe amare.

La Festa della tenerezza
Papa Francesco

La Festa della tenerezza

Buon Natale in pensieri e parole
Dante a tavola
Marco Bonatti

Dante a tavola

Avventure del cibo e del gusto nella Commedia
Almanacco della felicità
Anna Maria Foli

Almanacco della felicità

Pagine per un anno dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Antonio di Padova
Nazareno Fabbretti

Antonio di Padova

Il romanzo di una vita