Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Insieme per difendere il Creato «casa comune»

l'editoriale
25 febbraio 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Sull’onda della riflessione di Papa Francesco in ambito ecologico, ad Amman, in Giordania, s’è svolto, il 30 gennaio scorso, un seminario dal titolo «L’ambiente: casa comune dell’umanità».


Anche in Terra Santa prosegue l’opera di ricezione dell’enciclica di Papa Francesco Laudato si’. In Giordania, ad Amman, che è parte integrante del patriarcato latino di Gerusalemme, si è svolto il 30 gennaio scorso un incontro organizzato dal Centro cattolico di studi e dei media in collaborazione con la Konrad-Adenauer-Stiftung (fondazione tedesca che si occupa di promuovere scienze e cultura in un contesto di dialogo interreligioso). Il seminario ha avuto come titolo «L’ambiente: casa comune dell’umanità».

All’evento hanno partecipato, oltre al clero locale e ad esponenti del laicato cattolico e delle associazioni ambientaliste, anche rappresentanti del mondo islamico e della casa reale giordana. Il tema della salvaguardia del Creato, dell’uso consapevole delle risorse e di una economia basata non sull’esclusione ma sulla giustizia, appare molto sentito in un Paese come la Giordania, alle prese con i fragilissimi equilibri sociali determinati dal vicino confitto siriano.

Accanto a un’ampia riflessione sui temi dell’energia pulita e rinnovabile, dell’accesso all’acqua, della lotta agli sprechi e al cambiamento climatico, nel contesto del seminario (a cui ha partecipato in rappresentanza del ministero degli Affari islamici di Giordania Hassan Karirah) è emersa la necessità di tutelare anche l’ambiente culturale del Medio Oriente, oggi devastato dalle guerre e da una violenza che mira a cancellare la memoria.

Da questo impegno comune, che riguarda tutti gli uomini, siano essi cristiani, ebrei, musulmani, passa il destino dell’unica famiglia umana e della Terra che Dio ha affidato agli uomini.

Eco di Terrasanta 2/2016
Marzo-Aprile 2016

Eco di Terrasanta 2/2016

Vita quotidiana al Santo Sepolcro
Hélène Morlet

Vita quotidiana al Santo Sepolcro

Nella basilica di Gerusalemme vive da secoli una comunità di frati minori della Custodia, incaricata di offrire aiuto ai pellegrini e di curare la presenza cattolica alla Tomba vuota di Cristo.

Riconfermato l’impegno dei frati della Custodia in Siria
(g.s.)

Riconfermato l’impegno dei frati della Custodia in Siria

In un'intensa lettera ai confratelli il padre Custode spiega la decisione di restare nonostante la guerra: «Non abbiamo mai abbandonato i luoghi e la popolazione che la Chiesa ci ha affidato».

Il Samaritano dell’Umanità
fra Alberto Joan Pari ofm

Il Samaritano dell’Umanità

Nel logo del Giubileo della misericordia e nell'iconografia classica compare uno dei motivi teologici cari alla Chiesa antica: Cristo «buon samaritano».

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Una nuova strada
Cristiana Dobner

Una nuova strada

Carlo Maria Martini, gli Esercizi e la Parola
Grecia

Grecia

Luoghi cristiani e itinerari paolini
Il libro della vita
Alberto Mello

Il libro della vita

Leggere i Salmi
Preferivo le cipolle
Giorgio Bernardelli

Preferivo le cipolle

Dieci obiezioni (da sfatare) a un viaggio in Terra Santa