Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Satira politica, lo scherzo costa caro

Camille Eid
18 novembre 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

«Violazioni della politica editoriale». Questa la spiegazione ufficiale data il primo novembre da un’emittente privata egiziana alla sospensione del programma di satira politica condotto da Bassem Youssef. È durata così lo spazio di una sola settimana la nuova stagione televisiva di al-Barnamag («Il Programma») dopo un’interruzione di 4 mesi che hanno visto una nuova rivoluzione nel Paese.

Nella stagione precedente, lo showman popolare non perdeva occasione per far ridere gli egiziani sugli errori e le gaffe dell’allora presidente Mohammed Morsi e della Fratellanza musulmana in generale, mettendo in risalto le loro contraddizioni nonché la loro poca competenza nella gestione del governo. Con il cambio della leadership in Egitto, il sarcasmo di Youssef si è ovviamente spostato verso i nuovi dirigenti. Il conduttore ha così ironizzato nella sua ultima puntata sul nuovo governo ad interim, ma ha anche indirizzato frecciate al generale Abdel-Fattah al-Sissi, parlando di una «Sissimania» che si sarebbe impadronita dei media locali che lo presentano come eroe dopo il colpo di stato del 3 luglio scorso. Apriti cielo! L’uomo che era considerato fino a poco tempo prima il «John Stewart dell’Egitto» e che avrebbe ispirato la nuova rivolta (la rivista Time lo aveva incluso tra le 100 persone più influenti del mondo) è diventato d’un colpo un «pericolo per la sicurezza nazionale» e un traditore che avrebbe ridicolizzato l’esercito. Segno, questo, che la satira politica non ha diritto di cittadinanza nel mondo arabo? Forse sì. Le esperienze precedenti hanno quasi sempre segnato una battuta d’arresto dovuta alle pressioni governative, quando non a seri problemi con la giustizia o con gli organi della sicurezza.

Così è stato per il foglio satirico Domari, pubblicato nel 2000 a Damasco dal fumettista Ali Farzat, poi costretto a chiudere nel 2003. Motivo? Denunciava – parecchi anni prima dell’attuale rivoluzione – corruzione, repressione e mediocrità dei dirigenti siriani. Nell’agosto 2001, Ferzat è stato prelevato da alcuni uomini che l’hanno pestato a sangue in un camioncino prima di abbandonarlo per strada. Una simile esperienza era stata vissuta nel 1986 dal giornale marocchino Takchab, che aveva «osato» ridicolizzare due potenti dirigenti politici di allora. L’indomani, il commissario mandò a cercare il vignettista Hamouda (pseudonimo di Najim Kamal) e lo gettò in carcere. Takchab ha ovviamente chiuso i battenti, seguito poco dopo da un altro giornale satirico, al-Houdhoud. Una nuova generazione di vignettisti è subentrata alla fine del millennio, ma non è cambiato il risultato. Nel 2003, ha chiuso Demain dopo un processo clamoroso, mentre un caricaturista è stato condannato nel 2009 a tre anni di prigione con pena sospesa e al versamento di 3 milioni di dirham (270 mila euro) di ammenda. Il suo crimine? Un disegno che ritrae il principe Moulay Ismail, cugino del re. Diventa facile capire perché gli editori considerino il genere satirico «molto rischioso».

La satira è diventata talmente estranea alla cultura araba che non si riesce neanche più a capirla. Lo scorso 29 ottobre, per esempio, un quotidiano marocchino ha ripreso con rilievo e molta serietà un noto blog satirico spagnolo (Ect noticias), secondo il quale la Conferenza episcopale spagnola avrebbe sottoscritto un accordo con il ministro della Giustizia per concedere la cittadinanza spagnola ai marocchini che si convertono al cattolicesimo. Tra i requisiti atti a dimostrare la sincerità della conversione, si leggeva nel blog, quello di recitare un Avemaria e un Padrenostro in castigliano, «non importa se imperfetto»… Nessuno ha colto lo scherzo.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
La farmacia di Dio
Anna Maria Foli

La farmacia di Dio

Antichi rimedi per la salute, il buon umore, la bellezza e la longevità dalla tradizione monastica e francescana
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
Il volo di Nura
Paola Caridi

Il volo di Nura