Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

La difficile arte della negoziazione

mons. David M. Jaeger ofm
8 ottobre 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Come avviene di tanto in tanto, israeliani e palestinesi hanno ripreso a negoziare la pace, che comunque un giorno – alla fine – dovranno fare. Anch’io, in passato, e a lungo, mi sono occupato di negoziati tra Chiesa e Stato. E credo che ci sia un’arte del negoziare applicabile in ambiti diversi. Così ha ritenuto una facoltà economica (business school), che anni addietro mi ha invitato a condividere le massime suggeritemi dall’esperienza.

Eccone alcune.

1) Il negoziatore venga al tavolo con una bozza completa del desiderato accordo; diversamente si rischia di perdersi in chiacchiere inconcludenti. La bozza sia realistica, e cioè tenga lealmente conto delle prevedibili giuste esigenze della controparte, seppur lasciando spazi per il compromesso.

2) Scambiate le due bozze, esse vadano combinate per formarne una sola contenente le rispettive posizioni sui singoli argomenti sollevati dall’una e dall’altra parte. Il negoziato consiste dunque nel colmare la distanza tra le due posizioni all’interno di ciascuno degli «articoli», con il conseguente aggiornamento continuo della bozza «unificata».

3) In quest’ultima si dichiari che «nulla è concordato fino a che non lo sia tutto». Così ci si permette di negoziare «a tutto campo» e di arrivare a compromessi trasversali, evitando la frammentazione del negoziato e le concessioni senza contraccambio.

4) Si evitino i rinvii ad eventuali future trattative. Non si ceda alla tentazione di firmare comunque «un accordo», seppur privo di buona parte della sostanza, lasciandola al «dopo». Calata la tensione propulsiva con la firma di «un accordo», è probabile che mai più si riuscirà a realizzare quello che ora non si ottiene. Il rinvio è utile soltanto quando serve a mascherare un’effettiva rinuncia che non conviene però formalizzare, oppure qualora si tratti di integrazioni solo tecniche e non oggetto di controversia.

5) Il negoziato efficace può benissimo assomigliare più al pugilato che al minuetto. Il tratto decisivo del negoziato meglio riuscito di tutta la mia «carriera» – quello che ha portato all’Accordo tra Santa Sede e Israele del 1997 sulla personalità giuridica degli enti ecclesiastici – si svolse nel corso di una giornata, una notte bianca e un’altra mezza giornata. E vide il mio omologo per lo Stato d’Israele, il compianto giudice Tzvi Terlo, e me lavorare quasi ininiterrottamente. Era uno spettacolo. Ci sgridavamo, minacciavamo ciascuno ripetutamente di disertare l’aula per non tornarci più, dichiaravamo ciascuno a sua volta che questa o quell’altra posizione sarebbe stata «non-negoziabile» in assoluto, deridevamo l’uno la logica e le conoscenze dell’altro, fumavamo sigari, sigarette e pipe, bevevamo il whiskey alternandolo con il caffè, diventammo amici e ottenemmo l’accordo, su tutto.

6) Quindi per arrivare all’accordo occorre che i negoziatori siano idonei, perché dai due lati del tavolo si siedono questi, non astrattamente «le parti».

7) Ed infine la lezione fondamentale è questa: laddove ci sia la volontà condivisa di raggiungere l’accordo, l’accordo ci sarà. E se non vi si arriva, è o perché gli individui incaricati non sono competenti o perché almeno una parte non veramente lo vuole. Voglia Dio ispirare a entrambe «le parti» propositi di pace.

 

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe