Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Acqua, bene conteso

Anna Clementi
25 marzo 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Acqua, bene conteso
Un corso d'acqua limpida in Terra Santa.

Il 22 marzo ricorre la Giornata mondiale dell’acqua. Il tema dell’accesso alle risorse idriche è sicuramente uno dei più importanti nel panorama del contrasto alla povertà nel mondo. Nel contesto tribolato del Medio Oriente, in più, la gestione delle risorse idriche e l’accesso all’acqua sono una delle possibili cause di conflitto. Tra gli scenari più sensibili, il controllo delle acque dell’Eufrate, che interessa Iraq, Siria e Turchia. Nella stessa area, chiamata la «Mezzaluna fertile», il controllo del fiume Shatt al Arab, in cui confluiscono il Tigri e l’Eufrate e che delimita l’estrema frontiera meridionale tra l’Iraq e l’Iran, è constante motivo di tensioni. Più a sud, tra Egitto, Sudan ed Etiopia, la gestione delle acque del Nilo offre perenni motivi di attrito.

Il controllo delle falde acquifere della Cisgiordania, da cui Israele per decenni ha attinto l’80 per cento del proprio fabbisogno idrico, è certamente un grave ostacolo alla pace, ma condiziona nei fatti la vita soprattutto del popolo palestinese, che si trova spesso defraudato di un bene necessario alla sopravvivenza di intere comunità.

Da Betlemme a Gaza, passando per Gerusalemme Est e la Valle del Giordano, appare chiaro come ogni possibilità di sviluppo e di futuro, passi attraverso una gestione condivisa delle risorse idriche e dell’accesso all’acqua.

Proprio per approfondire questo aspetto, abbiamo voluto gettare uno sguardo sulla gestione delle risorse idriche in Cisgiordania e su come, putroppo, un bene primario come quello dell’acqua sia entrato a pieno titolo nel conflitto che oppone Israele e Palestina. E a pagarne le conseguenze più gravi, tocca tristemente ai più deboli e agli indifesi. (g.c.)

(Questo testo è l’Introduzione al Dossier di 16 pagine del bimestrale Terrasanta su carta)

Abbonamenti

Per ricevere la rivista Terrasanta (6 numeri all’anno) la quota d’abbonamento è di 32,00 euro. Disponibile, a 22,00 euro, anche la versione digitale in formato pdf.

Maggiori informazioni
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 al 2023.

Il file consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che interessano di più e individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Consulta l'indice
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2023.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Turchia – nuova edizione
Paolo Bizzeti, Sabino Chialà

Turchia – nuova edizione

Chiese e monasteri di tradizione siriaca
Breve storia di Israele
Vincenzo Lopasso

Breve storia di Israele

Da Abramo alle origini della diaspora