Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Dalla tolleranza alla vera libertà

Giuseppe Caffulli
28 gennaio 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Ogni mese il Papa chiede ai fedeli cattolici, attraverso l’Apostolato della preghiera (www.adp.it) di pregare secondo un’intenzione generale e un’intenzione missionaria. L’intenzione generale di gennaio è dedicata all’Anno della fede («Perché in questo «anno della fede» i cristiani possano approfondire la conoscenza del mistero di Cristo e testimoniare con gioia il dono della fede in lui»). L’intenzione missionaria chiede invece di pregare per le comunità del Medio Oriente: «Perché le comunità cristiane del Medio Oriente, spesso discriminate, ricevano dallo Spirito Santo la forza della fedeltà e della perseveranza».

Discriminazione, fedeltà e perseveranza sono tre realtà alle quali i cristiani del Medio Oriente sono avvezzi. Nell’esortazione post-sinodale Ecclesia in Medio Oriente, consegnata ai vescovi dell’area in Libano durante il viaggio apostolico del settembre scorso, il Santo Padre richiama la necessità che i fedeli appartenenti alle varie religioni e culture collaborino per evitare discriminazioni, strumentalizzazioni e conflitti. Passando insomma dalla semplice tolleranza (che può anche significare indifferenza o sopportazione) alla vera accoglienza. «Ebrei, cristiani e musulmani – scriveva Benedetto XVI – credono in un Dio Uno, creatore di tutti gli uomini. Possano gli ebrei, i cristiani e i musulmani riscoprire uno dei desideri divini, quello dell’unità e dell’armonia della famiglia umana. Possano gli ebrei, i cristiani e i musulmani scorgere nell’altro credente un fratello da rispettare e da amare per dare in primo luogo sulle loro terre la bella testimonianza della serenità e della convivialità tra figli di Abramo. Invece di essere strumentalizzati in conflitti reiterati e ingiustificabili per un autentico credente, il riconoscimento di un Dio Uno può – se vissuto con un cuore puro – contribuire notevolmente alla pace della regione e alla convivenza rispettosa dei suoi abitanti».

Pace e convivenza che si traduce nel riconoscimento innanzitutto nella libertà religiosa, «il culmine di tutte le libertà» e in una comune volontà di servire il bene comune, per «contribuire allo sviluppo di ogni persona e alla edificazione della società».

Abbonamenti

Per ricevere la rivista Terrasanta (6 numeri all’anno) la quota d’abbonamento è di 32,00 euro. Disponibile, a 22,00 euro, anche la versione digitale in formato pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2022.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 al 2022.

Il file consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Consulta l'indice
Mindfulness per mamme
Riga Forbes

Mindfulness per mamme

Pensieri per una maternità senza ansie
Che cosa sogni, Macchia?
Isabella Salmoirago

Che cosa sogni, Macchia?

La vita consacrata
Najib Ibrahim

La vita consacrata

Riflessioni bibliche sulla sequela di Gesù Cristo
Il sole anche di notte
Dominique Blain

Il sole anche di notte

La spiritualità della fiducia in Teresa di Lisieux e Francesco d'Assisi