Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il petrolio (non sfruttato) dei palestinesi

Giuseppe Caffulli
22 luglio 2011
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Qualche settimana fa sono stato a visitare – vi mancavo da qualche anno – il Palazzo Hisham di Gerico, in una mattina già torrida d’inizio estate. Mi sono aggirato – praticamente solitario – tra le rovine di questo magnifico complesso residenziale, costruito nell’VIII secolo dai califfi omayyadi, con i cortili interni, i vari ambienti (tra cui una moschea privata e una pubblica), le eleganti colonne, lo splendido rosone divenuto uno dei simboli della città… Nell’area termale del palazzo (in quella zona riservata che la tradizione arabo-musulmana chiama diwan)  ho ammirato lo splendido mosaico (parte di un prezioso pavimento musivo ancora più grande e tuttora non visibile) che raffigura un albero lussureggiante, ai cui piedi pascolano cerbiatte insidiate da un leone… Forse così doveva apparire Gerico al califfo Hisham e a suo figlio al-Walid, nei primi decenni dell’VIII secolo: un angolo rigoglioso di paradiso terrestre perso nel deserto, a due passi dal Mar Morto.

Il Palazzo Hisham, in qualche misura, è il simbolo di quello che potrebbe essere la Palestina oggi. Un Paese alla ricerca di una propria fisionomia, che vive una situazione oggettivamente difficile, in alcuni casi di rovina e di abbandono, ma che cela (come i mosaici nascosti di Palazzo Hisham) un tesoro che chiede di essere valorizzato.

Sappiamo bene in quali difficoltà si dibatta la tutela e la salvaguardia del patrimonio culturale palestinese. Difficoltà legate all’occupazione (molti siti sono in zone sotto il controllo israeliano), alla mancanza di fondi e di risorse umane. Ma il Palazzo Hisham, come altri siti che si trovano in aree sotto il pieno controllo palestinese (la cosiddetta zona A), oltre che luoghi legati all’identità storica del popolo possono diventare quei «pozzi di petrolio» di cui il nascente Stato non dispone (e avrebbe tanto bisogno). Tutelare e valorizzare questo patrimonio culturale (investendoci qualche soldo in promozione e servizi) significa credere nel futuro di un Paese che vuole guardare avanti, a partire dalla sua storia.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme