Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

La Bibbia nella babele delle lingue

Giuseppe Caffulli
23 maggio 2011
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Nella complessa geografia d’Israele, si contano oggi molte decine di migliaia tra immigrati e rifugiati. Esiste poi una categoria singolare, nel computo dell’Ufficio centrale di statistica: quella degli «altri» (non arabi, non ebrei). Qualcuno li definisce «ebrei non ebrei»: si tratta di una fetta di popolazione (oltre 300 mila persone) per la gran parte di lingua e cultura russa. Tra questi «altri», molti si sentono cristiani e appartengono in gran parte alla tradizione ortodossa.

È singolare che, nel Paese della Bibbia, molti di costoro siano alla ricerca – decisamente non facile – proprio della Parola di Dio. Molti immigrati finiscono nelle chiese (specie cattoliche) alla ricerca di una Bibbia o di un Vangelo nella loro lingua d’origine (dal tagalog delle Filippine alle lingue dei vari ceppi sanscriti dell’India meridionale, dal rumeno all’ungherese, passando per l’inglese). Le richieste più consistenti riguardano catechismi, testi di spiritualità e letteratura per i ragazzi, specie in lingua russa: negli ultimi tre anni, grazie all’impegno dei salesiani, solo Beit Jamal, sono state distribuite migliaia di bibbie e altrettanti volumi di letteratura religiosa in cirillico.

Anche all’interno della società israeliana cresce l’interesse per il cristianesimo. Ogni anno diverse migliaia di ebrei visitano i santuari cristiani, attratti dalla bellezza dei luoghi e dall’arte che le nostra chiese hanno saputo custodire nei secoli. Non pochi tra questi ebrei manifestano il desiderio di conoscere di più il cristianesimo, dal punto di vista storico, spirituale e dottrinale, ma mancano finora gli strumenti adatti.

Anche tra i cristiani si fa strada un’esigenza nuova, come ci fa sapere fra Ramzi Sidawi, frate minore della Custodia di Terra Santa, parroco a Jaffa: «Nella nostra parrocchia abbiamo chiaramente bisogno di testi in arabo, ma i figli degli immigrati che risiedono qui da anni e frequentano le scuole di Stato, conoscono meglio l’ebraico delle lingue d’origine. Per questa ragione serve la Bibbia in ebraico, e anche il catechismo».

Raccogliere l’appello delle tante persone che in Terra Santa – a vario titolo – sono alla ricerca della Parola di Dio, è un dovere che non possiamo trascurare. Un piccolo seme di dialogo destinato a portare frutto.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
Favole di pace
Mario Lodi

Favole di pace

Querida Amazonia
Giuseppe Buffon, Papa Francesco

Querida Amazonia

Testo integrale della Esortazione postsinodale e del Documento Finale del Sinodo speciale per l’Amazzonia
Il libro dell’amore
Sandro Carotta

Il libro dell’amore

Leggere il Cantico dei Cantici