Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
I bambini di Betlemme possono contare su una nuova struttura educativa, finanziata da alcuni donatori italiani.

Trovare asilo sotto il muro

Carlo Giorgi
25 giugno 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Trovare asilo sotto il muro
L'asilo da poco inaugurato a Betlemme.

«Quando Benedetto XVI ha visitato il campo palestinese di Aida, un anno fa, ricordo che le suore francescane si sono letteralmente buttate in mezzo alla strada per fermare la Papa-mobile – racconta don Peppino -: avevano con loro il progetto dell’asilo e volevano chiedere al Papa di dare la sua benedizione. È anche per questo che abbiamo ricevuto tante grazie».

Don Peppino Barbesta, sacerdote lodigiano responsabile dell’associazione dei Lavoratori credenti, è appena tornato da un pellegrinaggio molto speciale in Terra Santa, con una trentina di volontari. Infatti, a un anno dalla visita del pontefice, nel campo di Aida è stato finalmente inaugurato un asilo per bambini dai 3 ai 6 anni. Un centro affidato alla cura delle suore Francescane missionarie del Cuore Immacolato di Maria che, a pieno regime, potrà ospitare fino a 150 piccoli ospiti. Un centro importante, di cui il Campo profughi di Aida, con i suoi 5 mila abitanti, la povertà diffusa e la cronica carenza di strutture educative, ha assoluto bisogno. «Prima dell’estate l’asilo potrà contare su sette aule attrezzate – racconta don Peppino -. Qui c’è una grande richiesta di aiuto: in soli otto giorni abbiamo ricevuto almeno cinquanta domande di iscrizione, soprattutto di bambini di famiglie musulmane del campo, ma anche di residenti nelle zone periferiche di Beit Sahur e Beit Jalla». Ogni mattina i bambini verranno presi da un pullmino e portati all’asilo, che sorge in un edificio completamente nuovo; per poi essere riportati a casa nel pomeriggio. Gli insegnanti saranno tutti cristiani locali, per garantire l’indirizzo dell’iniziativa. «L’inaugurazione si è svolta nel modo più semplice e spontaneo – racconta don Peppino -: l’eucarestia nel salone dell’asilo trasformato in cappella con la partecipazione dei francescani di Betlemme, poi il taglio del nastro e un rinfresco: l’asilo è un posto che comunica accoglienza e freschezza; mobili e pareti hanno colori vivaci. Il contrasto con il muro di divisione israeliano, che sorge a soli venti metri, è molto forte e ci convince che come Lavoratori credenti abbiamo fatto la scelta giusta: investire sull’educazione di giovani generazioni che scelgano domani di non costruire più muri».

I Lavoratori credenti hanno contribuito in modo concreto al finanziamento dell’opera: «Grazie alla Provvidenza siamo riusciti a tessere una rete di donatori – spiega don Peppino – per cui abbiamo già raccolto e consegnato oltre la metà dei fondi necessari per la costruzione dell’asilo e speriamo di saldare il conto entro i primi del 2011». Poi il progetto dell’associazione è di trovare i finanziamenti per un’altra opera importante, quella della casa per minori disabili che dovrebbe sorgere a cinquanta metri dalla Basilica della Natività, a Betlemme; struttura di accoglienza affidata alla congregazione del Verbo Incarnato. «Quando partiamo per un pellegrinaggio in Terra Santa quello che vorremmo fare, innanzitutto, è di cercare il Santo – spiega don Peppino, raccontando lo stile dei Lavoratori credenti. Cerchiamo la presenza di Gesù in ogni luogo che lo ha visto passare. Ma quello che ci preme è di andare a visitare coloro che sono oggi l’immagine vivente del Cristo. Per questo, con i nostri volontari, abbiamo sempre in programma una visita al Caritas Baby Hospital di Betlemme, così come alla Crèche di suor Sophie e, da oggi, all’asilo del campo di Aida».

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora