Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Italia e Terra Santa un legame inscindibile

padre David M. Jaeger
10 settembre 2007
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

In piena estate, mentre trascorrevo le vacanze annuali negli Stati Uniti, sono stato nominato «Delegato del padre Custode per l’Italia». La notizia mi ha fatto riflettere sul singolare ruolo provvidenziale che l’Italia ha sempre avuto in relazione alla Missione di Terra Santa. E quindi sulla necessità di mettere in evidenza questo ruolo e di curarne la continuazione.

Sarebbero troppe le cose da elencare per illustrare adeguatamente l’affermazione appena fatta. Basti per ora ricordare, a mo’ di esempi: l’epocale iniziativa (nel lontano 1342) dei re di Napoli nell’acquistare per i frati la proprietà del Cenacolo e il diritto di ufficiare la basilica del Santo Sepolcro; la lunga lista dei padri Custodi di Terra Santa provenienti dall’Italia; i numerosi missionari francescani che dall’Italia si son recati nella Missione di Terra Santa lungo i secoli. E poi, naturalmente, l’attenzione tutta particolare che le Chiese locali che sono in Italia e gli Stati e i governi, che nella Penisola si sono succeduti, hanno abitualmente riservato alla Terra Santa. Poco sorprende allora che l’italiano sia divenuto e resti la lingua principale nella vita della Custodia, con tutto ciò che questo comporta dal punto di vista culturale.

E tutto questo ancor prima di ricordare l’ «italianità» originale dello stesso francescanesimo, il cui fondatore è venerato come patrono d’Italia…

Negli ultimi decenni del Ventesimo secolo si avvertiva in certi ambienti della Chiesa (e forse anche da parte di qualche francescano) una certa insofferenza nei riguardi di una supposta eccessiva «italianità» degli organi di governo e di indirizzo, divenuta poi una zelante spinta «internazionalizzatrice». Nelle sue forme più estreme, essa sembrava voler far finta di ignorare la «storicità» propria della Chiesa pellegrina, storicità intrisecamente collegata alla fede nell’Incarnazione. Così come il Figlio di Dio non è divenuto Uomo astrattamente, ma ha voluto nascere in un luogo determinato, e perciò in mezzo ad un popolo determinato, in un momento determinato della sua «storia di salvezza» – il tutto pazientemente predisposto dalla Divina Provvidenza – anche la Chiesa che ne continua l’opera salvifica non lo fa nell’etere… Il suo cammino concreto non può essere ritenuto puramente casuale, ma è riferito ad un disegno provvidenziale. Se la  stessa Sede di Pietro, allora, si trova a Roma, capitale dell’Italia ab immemorabili, e se poi anche san Francesco in questa nazione è apparso; e se dall’Italia, in definitiva, sono stati inviati i frati in missione per la Terra Santa (missione poi confermata stabilmente dalla Sede Apostolica), allora non si può non vedere un nesso speciale, che deve essere fatto perdurare, tra il questo Paese e la Custodia di Terra Santa.

Ora non si tratta soltanto di ipotizzare legami più o meno mistici, ma anche di coltivare un rapporto, importantissimo per la nostra missione, sia nella forma degli aiuti spirituali e materiali che essa riceve dalla Chiesa in Italia, sia nell’attenzione – che si spera sempre assicurata – da parte della società civile e delle stesse istituzioni.

E se dobbiamo – e certamente dobbiamo – nutrire questi legami, avremo allora bisogno soprattutto di nuove generazioni di frati minori che dall’Italia vengano nella Missione di Terra Santa. L’auspicio è questo: possano essere sempre più numerosi i giovani religiosi italiani che si offrono con generosità e dedizione per il servizio a quella che l’Ordine dei Frati Minori ha sempre voluto chiamare «la perla delle Missioni»!

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
La farmacia di Dio
Anna Maria Foli

La farmacia di Dio

Antichi rimedi per la salute, il buon umore, la bellezza e la longevità dalla tradizione monastica e francescana
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
Il volo di Nura
Paola Caridi

Il volo di Nura