Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
A Nazareth la tradizione ha conservato la memoria dell'antica sorgente dove Maria (e forse anche Gesù) si recavano ad attingere acqua. Oggi è racchiusa nella chiesa ortodossa di San Gabriele.

La fontana della Vergine

03/05/2007  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
La fontana della Vergine

Tra i segni del mistero delle origini, che le pietre di Nazareth custodiscono e raccontano, c’è un luogo da sempre molto venerato, benché non citato espressamente dai Vangeli canonici: la fontana della Vergine.

Qui secondo il protovangelo di Giacomo, Maria avrebbe avuto il primo incontro con l’Angelo: un’esperienza che la turbò e che la spinse ad affrettarsi verso casa, dove ricevette più compiutamente l’annuncio e la rassicurazione da parte del messaggero del Signore. La tradizione ha conservato memoria di questo luogo, che corrispondeva all’antica sorgente cui attingeva la gente del villaggio ed è bello pensare che proprio lì tante volte si sia recata Maria, in seguito anche con il piccolo Gesù, a prendere acqua.

La falda acquifera scaturisce dalla collina e si trova sulla strada che porta verso Tiberiade: per raggiungerla occorre entrare nella chiesa ortodossa di San Gabriele che oggi la racchiude. A sinistra dell’altare  si trova una piccola cripta a volta di epoca medievale, probabilmente costruita dai crociati, in cui zampilla l’acqua di questa antica sorgente. Fino a qualche anno fa l’acqua veniva convogliata in una conduttura che alimentava la fontana monumentale sul piazzale; poi il flusso fu interrotto dai greci ortodossi, che invitano a entrare nella loro chiesa per visitare la sorgente.

La chiesa di San Gabriele è di epoca piuttosto recente (1750). Esternamente ha un aspetto squadrato, tutta in pietra chiara e, all’interno, lo sguardo del pellegrino resta colpito da una ricca iconostasi di legno intagliato e dorato: domina la figura di Cristo Re con accanto sua Madre e l’arcangelo Michele, ai lati si notano le raffigurazioni della decapitazione di Giovanni il Battista, dell’Annunciazione, di Costantino imperatore e della regina Elena.

Vale la pena sostare nella penombra, ristorati dall’umida frescura dell’interno di questa chiesa, per fare memoria del gesto semplice e quotidiano con cui la santa famiglia di Nazareth condivideva ogni giorno la nostra umanità.

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Una nuova strada
Cristiana Dobner

Una nuova strada

Carlo Maria Martini, gli Esercizi e la Parola
Grecia

Grecia

Luoghi cristiani e itinerari paolini
Il libro della vita
Alberto Mello

Il libro della vita

Leggere i Salmi
Preferivo le cipolle
Giorgio Bernardelli

Preferivo le cipolle

Dieci obiezioni (da sfatare) a un viaggio in Terra Santa