Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Nuove scoperte sul Monte del Tempio

padre Eugenio Alliata
2 marzo 2007
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Da qualunque punto di vista lo guardi – religioso, turistico, monumentale, archeologico, storico, razionale o sentimentale – il Monte del Tempio (Har Habbayt, come lo chiamano gli ebrei) o Recinto Nobile (Haram ash-Sharif, com’è chiamato dai musulmani) rimane uno dei luoghi più misteriosi e affascinanti di Gerusalemme. Chi vive a Gerusalemme è solito chiamarlo semplicemente «la spianata», termine che riflette la topografia: il recinto che racchiude le due moschee (al-Aqsa e Qubbat es-Sakhra) comprende un’area pianeggiante di ben 480 per 300 metri.

Per le implicazioni politiche e religiose connesse con la situazione presente in Gerusalemme, ogni cosa riguardante quest’area finisce col generare polemiche tra le parti. L’archeologia non fa eccezione.

Sarebbe bello venire a conoscenza, se necessario anche con l’uso del piccone, di ciò che rimane del monumento più celebre dell’antica Gerusalemme, il Tempio. Ma una certa mentalità religiosa (non esclusivamente musulmana) vi vede una profanazione del luogo santo. D’altra parte esiste il fondato timore che le scoperte archeologiche possano essere usate dagli uni come un’arma politica per sottrarre proprietà o uso di edifici e terreno agli altri. L’archeologia come arma politica.

Da qui vengono le accuse fatte agli ebrei di scavare gallerie che penetrano nei sotterranei delle moschee. L’ultima volta questa accusa, accompagnata da fotografie prese in segreto, si è udita in una conferenza stampa tenuta nel mese di gennaio. Da qui vengono le contro-accuse rivolte ai musulmani di distruggere o nascondere i resti antichi, per esempio, in occasione del restauro delle cosiddette «Stalle di Salomone» (moschea Marwani per i musulmani) e apertura delle nuove porte di accesso a questo luogo.

L’archeologo israeliano Gabi Barkai, setacciando la terra della discarica, ha dimostrato quante antichità avrebbero potuto e dovuto essere recuperate. Un falsario ha anche cercato di approfittare della situazione facendo passare per scoperte cose che sono poi state riconosciute come artifizi. Il campo di battaglia principale di tutte queste polemiche è stato Internet. L’ungherese Tibor Grull ha annunciato il ritrovamento di un’iscrizione latina proveniente da questi scavi. Una fotografia è stata pubblicata in anteprima sul quotidiano israeliano Haaretz. Seguirà la pubblicazione scientifica. Proveniente da un ignoto edificio monumentale di Aelia Capitolina, l’iscrizione frammentaria (misura 97 per  75 centimetri) menziona il generale romano Flavio Silva, conquistatore di Masada (73 d.C.) e governatore della Giudea fino all’anno 80 d. C.

Al Muro del Pianto (o Muro Occidentale – hakotel hamaaravi) sono in corso lavori di sistemazione che comprendono limitati scavi archeologici curati dal Dipartimento delle Antichità di Israele (Israel Antiquities Authority) per conto della Fondazione (Western Wall Heritage Foundation) che gestisce l’area di fronte al Muro. Quest’area era parte del quartiere magrebino (musulmano) della città, fino alla guerra del 1967, perciò si sono avute proteste da parte palestinese. Dal punto di vista archeologico, per l’epoca romano-bizantina sono stati ritrovati resti di una strada lastricata, la seconda per importanza della città. Dell’epoca erodiana è stato individuato un bagno rituale (miqveh), parte di abitazione privata, e un tratto di acquedotto che portava l’acqua in città da una sorgente nei pressi di Betlemme (acquedotto inferiore). Altre antichità verranno ancora alla luce nella costruzione del nuovo ponte destinato ad attraversare la piazza.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta (fino al 2005 La Terra Santa) compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Una nuova strada
Cristiana Dobner

Una nuova strada

Carlo Maria Martini, gli Esercizi e la Parola
Grecia

Grecia

Luoghi cristiani e itinerari paolini
Il libro della vita
Alberto Mello

Il libro della vita

Leggere i Salmi
Preferivo le cipolle
Giorgio Bernardelli

Preferivo le cipolle

Dieci obiezioni (da sfatare) a un viaggio in Terra Santa