Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Cristiani in partenza (e in arrivo)

Giuseppe Caffulli
2 marzo 2007
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Il problema della diaspora dei cristiani di Terra Santa e nel Medio Oriente continua a preoccupare. Una statistica pubblicata nella nostra edizione francese (La Terre Sainte, gennaio-febbraio 2007 p. 38) è quanto mai esauriente: in Israele e Palestina i cristiani sono circa l’1,8  per cento (144.300 in Israele e 49 mila nei Territori, su una popolazione complessiva di 10 milioni e mezzo di persone).

Cinquant’anni fa (il 1957 è stato assunto come anno di riferimento) la percentuale era del 2, 2 per cento. Ancora più vistoso il calo dei cristiani altrove: 0,1 per cento in Turchia (80 mila); la percentuale era dello 0,9. In Siria i cristiani sono circa 750 mila su una popolazione di quasi 19 milioni di abitanti: appena il 3,9 per cento; erano il 13,4 per cento. In Libano sono scesi dal 54 per cento al 36,30 per cento (un milione e trecentomila).

In Giordania gli 80 mila cristiani rappresentano l’1,4 per cento degli abitanti (pari a 5 milioni e 700 mila); erano il 6,30. In Iran sono appena lo 0,16 per cento (110 mila su 70 milioni di abitanti); erano il 2,6 per cento. In Iraq sono 400 mila su circa 29 milioni di abitanti (l’1,4 per cento); erano nel 1957 il 6,3 per cento. In controtendenza l’Egitto, dove la presenza cristiana è leggermente cresciuta: il 9,4 per cento (circa 7 milioni su 74 milioni). Erano cinquant’anni fa il 7,8 per cento.

Se i cristiani locali calano in tutto il Medio Oriente (vedi anche Mediterranea a p. 51), sopraggiungono viceversa cristiani provenienti da altre parti del mondo. Sono i lavoratori stranieri di Asia e Africa. Una presenza – molto spesso temporanea, in qualche caso definitiva – che pone alle comunità locali nuove sfide. Proprio di questi «cristiani con la valigia» e dei problemi pastorali che la loro presenza suscita, ci occupiamo nel dossier di questo numero. Anche loro contribuiscono a formare il volto delle Chiese di Terra Santa oggi.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19