Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Damasco. Sulle orme di Paolo

Giuseppe Caffulli
11 agosto 2006
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Damasco. Sulle orme di Paolo
Damasco. La grotta che la tradizione identifica come luogo della conversione dell'apostolo Paolo.

Una visita al Memoriale di san Paolo, dove l'apostolo delle genti si convertì a Cristo. Il santuario sorge nel quartiere cristiano di Damasco, a due passi dalla città vecchia. Una meta da valorizzare nelle rotte del turismo religioso.


Damasco, nel quartiere cristiano di Tabbaleh, sorge il Memoriale di San Paolo, il santuario eretto per ricordare la conversione dell’apostolo delle genti. Un complesso costruito sul finire degli anni Sessanta per espresso volere di Paolo VI, dopo l’incontro storico a Gerusalemme con il patriarca Atenagora. «Il Santo Padre volle un luogo consacrato alla memoria dell’apostolo delle genti, ma anche con una spiccata vocazione ecumenica in una terra che vede la presenza di svariate confessioni cristiane», spiega padre Romualdo Fernandez, superiore del Memoriale. Insieme alla cappella di Sant’Anania (nella città vecchia, dove Paolo fu introdotto nella comunità ecclesiale), questo santuario è uno dei luoghi più importanti della tradizione cristiana in Siria.

Il complesso del Memoriale comprende, nel giardino, la grotta identificata dalla tradizione come il luogo della conversione. «Lungo la strada per Damasco, come ci raccontano gli Atti degli Apostoli, Paolo venne accecato da una gran luce, mentre una voce lo invitava a non perseguitare più i discepoli. Le testimonianze antiche identificano il luogo della conversione a uno-due miglia dalle mura della città. La grotta si trova proprio a questa distanza dai bastioni della città vecchia».

Il santuario che ricorda la conversione di San Paolo è un moderno edificio costruito negli anni Sessanta al posto di una piccola cappella eretta nel 1925. La struttura del Memoriale, costruito dall’ingegner Farid Awad su disegno dell’architetto Italo Viesi e inaugurato nel 1971, è imponente e austera, pensata per far risaltare le coloratissime vetrate che, all’interno, illustrano le scene della conversione di san Paolo. «In questo luogo possiamo avvicinarci alla figura dell’apostolo e approfondire la nostra vita cristiana – spiega il francescano -. Paolo è un modello di vita per noi che siamo chiamati a convertirci ogni giorno e a impegnarci a vivere il Vangelo. Attraverso il suo esempio anche noi possiamo trasformarci in testimoni e annunciatori di Cristo nella nostra vita quotidiana».

(L’intero reportage è nelle pagine centrali del giornale su carta).

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito ogni due mesi a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa tramite la nostra Fondazione.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2023.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
La storia di Ho Huan
Roberto Piumini

La storia di Ho Huan

Oskar Schindler
Francesca Cosi, Alessandra Repossi

Oskar Schindler

Vita del nazista che salvò gli ebrei
Verso la verità della Chiesa
Ernesto Borghi

Verso la verità della Chiesa

Leggere gli Atti degli Apostoli oggi