Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

La pietra d’inciampo

Giorgio Bernardelli
24 gennaio 2018
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
La pietra d’inciampo
L'insediamento di Har Homa (Kobi Gideon/Flash90)

Cosa sappiamo degli insediamenti israeliani in Cisgiordania? Quanti sono? Dove sono? Come sono nati? Sono tutti uguali? È realistico pensare che possano essere sgomberati?


La dichiarazione di Donald Trump su Gerusalemme capitale ha riacceso gli animi in Medio Oriente. E le discussioni su est e ovest nella Città Santa stanno riportando in primo piano anche la questione più generale degli insediamenti, le colonie israeliane che continuano a crescere nell’area dove – secondo il principio due popoli per due Stati – in teoria dovrebbe sorgere lo Stato palestinese. L’ondata di nuove case e infrastrutture negli insediamenti è il marchio di fabbrica dell’attuale governo Netanyahu, che nel settembre scorso ha celebrato i cinquant’anni della prima colonia dichiarando che non ci sarà più nessun ritiro «dalla Giudea e dalla Samaria», i nomi biblici con cui Israele chiama la Cisgiordania. Ed è una promessa che – agli occhi dei palestinesi – non può che voler dire nuovi terreni sottratti, nuove barriere e check-point; nuovi fatti che continueranno a minare ogni trattativa politica sul futuro della Terra Santa. Ma cosa sappiamo davvero degli insediamenti? Quanti sono? Dove sono? Come sono nati? Sono tutti uguali? È realistico pensare che possano essere sgomberati? Vogliamo provare a indagare questo mondo, oltre le definizioni generiche. Osando anche la domanda: è impossibile immaginare che anche in quelle città satellite vi sia oggi chi cerca di lavorare per la pace?

 

(Questo testo è l’introduzione al Dossier di 16 pagine pubblicato sulla rivista Terrasanta)

Terrasanta 1/2018
Gennaio-Febbraio 2018

Terrasanta 1/2018

Il sommario dei temi toccati nel numero di gennaio-febbraio 2018 di Terrasanta su carta. Tutti i contenuti, dalla prima all’ultima pagina, ordinati per sezioni. Buona lettura!

Ambasciata a Gerusalemme, gli Usa «ballano soli»
Francesco Pistocchini

Ambasciata a Gerusalemme, gli Usa «ballano soli»

L’annuncio dicembrino del presidente Donald Trump allontana gli Stati Uniti dal resto del mondo, proprio sul tema più spinoso del conflitto israelo-palestinese.

Sefforis perla di Galilea
Claire Burkel

Sefforis perla di Galilea

Storia, antichità e splendidi mosaici: Sefforis è uno dei gioielli della Galilea. La tradizione, contestata da certa critica storica, le attribuisce l’onore di aver accolto la Vergine Maria e i suoi genitori.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta (fino al 2005 La Terra Santa) compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme