Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Gelate di Primavera

(g.c.)
27 gennaio 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Gelate di Primavera
Giovani manifestanti egiziani.

Ci sono anni, nella storia, che segnano il passaggio di un’epoca. Il 2011, probabilmente, sarà ricordato come l’anno che ha cambiato (o sconvolto il Medio Oriente). C’era Ben Ali in Tunisia: è stato spazzato via dalle rivolte popolari, la cosiddetta Primavera araba. C’era Hosni Mubarak in Egitto, il cui potere sembrava inossidabile: è caduto. Muhammar Gheddafi in Libia pareva inamovibile: il vento di rivolta (e l’intervento piuttosto interessato dell’Occidente) lo hanno condannato ad una fine tragica. La Siria è insanguinata dalla repressione di Bashar al-Assad, che non cede alla piazza. Altri Paesi, dallo Yemen alla Giordania, passando per il Barhein, sono alle prese con tensioni interne più o meno drammatiche.

Alcuni Paesi, come la Tunisia e l’Egitto, hanno intrapreso un nuovo cammino istituzionale, con elezioni che dovranno portare a riscrivere la Costituzione e ad un nuovo assetto di potere. Se questo cammino sarà democratico, o se invece porterà a una pericolosa involuzione persino rispetto a un recente passato, è difficile a dirsi. Quello che è certo è che, accanto alla Primavera, nella maggioranza dei Paesi toccati dalle rivolte, si stanno verificando vere e proprie «gelate», rispetto allo sbocciare delle speranze di un anno fa, se non proprio un anticipo di autunno (come non pochi sostengono).

Nel dossier che offriamo in queste pagine non abbiamo la pretesa di esaurire l’argomento (anche per le tante situazioni ancora aperte). Il nostro intento è presentare alcune letture. La prima: il punto di vista della minoranza cristiana nell’Egitto alle prese con una difficile transizione e con la crescita dell’islam politico. E poi la nuova situazione che la Primavera araba sta determinando nello scenario israelo-palestinese, per la prima volta da decenni al margine della scena. Ancora: le scelte strategiche della Turchia, che si propone (o ri-propone) come guida nei nuovi assetti del Medio Oriente.

Spunti per riflettere, per approfondire, in un contesto certamente difficile e in rapidissima evoluzione.

(Il testo è l’Introduzione al Dossier di 16 pagine pubblicato sulla rivista Terrasanta)

 

Abbonamenti

Per ricevere la rivista Terrasanta (6 numeri all’anno) la quota d’abbonamento è di 32,00 euro. Disponibile, a 22,00 euro, anche la versione digitale in formato pdf.

Maggiori informazioni
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 al 2023.

Il file consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che interessano di più e individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Consulta l'indice
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2023.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
«Tu sei quell’uomo» (2Sam 12,7)

«Tu sei quell’uomo» (2Sam 12,7)

La narrazione al servizio della formazione e dell'annuncio
Gerusalemme. Città impossibile – nuova edizione
Meir Margalit

Gerusalemme. Città impossibile – nuova edizione

Le chiavi per capire l’occupazione israeliana
Colorexploring
Barbara Marziali, Sandra Marziali

Colorexploring

Il metodo per conoscere se stessi e illuminare i lati oscuri della vita
«Voi chi dite che io sia?»
Francesco Patton

«Voi chi dite che io sia?»

In cammino con Pietro sulle orme di Gesù