Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Kibbutz al tramonto? Colpa di una caffettiera

padre David M. Jaeger ofm
14 marzo 2011
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

«Tutti stavano insieme e tenevano ogni cosa in comune; chi aveva proprietà e sostanze le vendeva e ne faceva parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno» (Atti degli apostoli 2, 44-45). Così i primi cristiani, in Gerusalemme. Poi tutto cambia. Ma non per tutti. La regola della vita comune non viene persa di vista. La mantengono i religiosi, e rispunta attualmente anche in nuove «famiglie ecclesiali». Ma quanto è sempre fragile questa pianta!

Un aspetto della sua fragilità lo si vede ora nella privatizzazione di tanti kibbutzim israeliani, eredi di un altro celebre impegno di vita comune dalla storia centenaria. Anche il kibbutz mirava ad una vita fraterna, compiutamente comune. Segnato dall’analisi marxiana del capitalismo, il kibbutz rifiutava anzitutto il «parassitismo» inerente allo sfruttamento del «valore aggiunto» dell’altrui lavoro; il collettivo non doveva sostenersi che dal frutto delle fatiche dei propri membri. Come nei monasteri, la vita nel kibbutz si svolgeva interamente in comune. I pasti si prendevano in comune, nel refettorio, e in comune pure, nella sala di ricreazione, ci si vedeva, si conversava,  si leggevano giornali e riviste, si ascoltava la radio… Ad ogni membro era richiesto di conferire al lavoro comune quanto poteva, secondo l’ «obbedienza» datagli dal «capitolo», e a ciascuno si assicurava quanto occorreva – «da ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo il suo bisogno» – sulla base di una rigorosa eguaglianza.

Lo scivolamento verso l’individualismo – si dice – sarebbe cominciato con la caffettiera. E che male c’è se il kibbutznik,  la mattina presto, si fa subito il caffè da solo, in camera, prima di uscire nei campi? E se poi magari vi aggiunge anche una fetta di pane, e – su! – un poco di formaggio? Così non avverte più il bisogno di raggiungere i compagni nel refettorio, per la prima colazione. E se non è peccato mortale, che male c’è se nella propria abitazione tiene un piccolo frigorifero, per il formaggio, e un tostatore per il pane? E già che c’è, che male fa se, stanchissimo dopo la giornata di lavoro, il kibbutznik non esce più la sera per cenare in refettorio, ma si fa da mangiare da sé in quella che oramai è divenuta una piccola cucina tutta per lui? Che male c’è, in fondo, se per accompagnare questi piccoli pasti, si procura anche una radio (e più tardi, una televisione)? Poi, una volta che si è dotato di questi congegni moderni, non avrà più bisogno di frequentare la comune ricreazione per sentire le notizie…  Seguiranno altri attrezzi, dal computer all’autovettura, che non si possono certo fornire a tutti egualmente, pena la bancarotta del kibbutz. Da lì a decidere di non dover più osservare un egalitarismo conservatore, e di doversi ammodernare tenendo conto anche (o soprattutto) del merito, il passo è breve. Non è forse vero che il manager di successo, o il genio dell’hi-tech, debba vedersi riconosciuto più di quanto non sia dato all’anziano giardiniere (che degli i-Pad non se ne intende proprio)? Ma dove siamo rimasti? A cent’anni fa?

Lungo la strada era già andato perduto l’ideale di vivere solo del proprio lavoro, con l’assunzione del primo operaio «estraneo» al kibbutz impiegato nella catena di produzione della nuova fabbrica (ma che male c’è se si dà lavoro a chi ne ha bisogno? ditemi!).

È un piano inclinato, un susseguirsi di tanti piccoli, forse impercettibili cedimenti, che solo sommati l’un l’altro si rivelano mortali. Come il peccato.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il libro delle preghiere che guariscono

Il libro delle preghiere che guariscono

Le parole che curano e consolano da tutte le fedi e le culture