Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Dopo la strage di Baghdad quale futuro per i cristiani?

Camille Eid
22 novembre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

La ripresa, in grande stile, della «caccia al cristiano» in Iraq iniziata il 31 ottobre scorso con il gravissimo attentato contro una chiesa siro-cattolica di Baghdad ripropone la questione del futuro del cristianesimo nel Paese. Fonti interne assicurano, infatti, che questi atti hanno accelerato il ritmo – mai sopito, in verità, dell’esodo dei cristiani iracheni verso l’estero.

L’approccio dell’Europa, che consta spesso in reazioni emotive dettate da eventi contingenti piuttosto che in una vera e propria politica, non aiuta purtroppo ad affrontare la questione in tutta la sua complessità. Così, la decisione del governo francese di concedere il visto d’ingresso a 150 cristiani iracheni, anziché suscitare apprezzamento ha sollevato forti critiche tra la gerarchia ecclesiastica irachena. Tutti i parenti dei feriti accolti a Parigi all’indomani degli attentati hanno espresso il desiderio di rimanere in terra francese. Qualcuno ha anche sollecitato il ministro dell’Immigrazione a concedere il ricongiungimento ai familiari rimasti «laggiù». Vogliamo, in altre parole, sostenere la presenza cristiana in Iraq (e nel Medio Oriente in generale), oppure favorire l’esodo dei cristiani dal Paese? È vero, la decisione di mollare tutto e partire non dipende soltanto dalla disponibilità o meno dei Paesi occidentali e rimane in fin dei conti una scelta personale. Ma questa scelta non avrebbe mai raggiunto gli attuali livelli se, a contrastare la campagna del terrore, ci fosse una volontà chiara di sostenere il radicamento delle Chiese mediorientali nei loro antichi territori attraverso progetti mirati, come la costruzione di scuole e fabbriche nelle zone sovraffollate del nord Iraq in cui si ammassano, senza grandi risorse, migliaia di famiglie sfollate.

L’atteggiamento del mondo arabo «moderato» non è più responsabile. Lo storico libanese Kamal Salibi, più laico arabo che «fanatico» cristiano, sostiene che se i cristiani arabi dovessero abbandonare il mondo arabo non sarebbe più possibile definire tale quest’ultimo, né sostenere l’esistenza di una qualche forma di arabità o arabismo. I quattro esodi maggiori degli ultimi decenni (vale a dire da Egitto, Iraq, Palestina e Libano) hanno interessato comunità cristiane che hanno giocato un ruolo essenziale nella formazione delle relative nazioni e società.

Non sono tuttavia pochi gli intellettuali musulmani che denunciano il rischio di una desertificazione umana e culturale del mondo arabo nel caso i cui dovessero mancare i cristiani all’appello. Una di loro è la kuwaitiana Dalaa al-Mufti, già citata in passato in questa rubrica. «Complimenti!», scrive sulle pagine di al-Qabas, rivolgendosi ai terroristi che hanno compiuto il massacro di cristiani a Baghdad. «Complimenti perché avete raggiunto il vostro nobile obiettivo facendo saltare una chiesa piena di fedeli e uccidendo 70 innocenti, in maggior parte donne e bambini, che stavano pregando Dio. Avete sfidato l’Occidente miscredente e innalzato il nome dell’islam con i vostri misfatti. Avete sconfitto i vostri nemici e soccorso i vostri correligionari ovunque essi siano. Complimenti! Avete minacciato i cristiani del mondo, non solo in Iraq, ma anche in Egitto, in Siria e in altri Paesi della regione. Vi siete vantati di avere centinaia di migliaia di seguaci, e affermato che centinaia di chiese saranno tra i vostri obiettivi. Avete stimolato la rimanente parte dei cristiani orientali a fare le valigie ed emigrare in Occidente. (…) Complimenti! Ai cristiani d’Oriente, in particolare a quelli iracheni dico: Vi chiediamo scusa, noi non vi meritiamo».

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
Il volo di Nura
Paola Caridi

Il volo di Nura

Paramenti sacri
Maria Pia Pettinau Vescina

Paramenti sacri

Dall’Europa alla Terra Santa