Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un museo della «memoria» del popolo ebraico

Elena Lea Bartolini De Angeli
12 luglio 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Come è noto, la categoria della memoria è una dimensione importante per la coscienza ebraica, e questo vale anche per l’esilio, in ebraico galut, termine configurato da una radice che comprende sia il significato di «esiliare» che quello di «rivelare». A tale proposito vale la pena visitare a Tel Aviv il Museo di Nahum Goldmann che racconta l’esperienza del popolo ebraico in esilio dalla distruzione del Primo Tempio, avvenuta 2.600 anni fa, fino ad oggi.

All’interno del Museo sei «portali» sono di ausilio per strutturare percorsi finalizzati alla comprensione del fenomeno della diaspora nel mondo: famiglia, comunità, fede, cultura, il popolo ebraico tra le nazioni ed il ritorno alla Terra d’Israele. A differenza di altri musei, le esposizioni presenti nel Museo della Diaspora non hanno carattere cronologico, e la maggior parte degli oggetti esposti non sono «originali» ma «copie» che raccontano il tessuto della vita ebraica; un esempio, sono le candele o lampade del Sabato che assumono differenti forme a seconda del gruppo etnico a cui appartengono, le quali testimoniano l’antica tradizione degli ebrei di tutto il mondo di accogliere lo Shabbath nella casa illuminata.

Tutti i percorsi rivelano così la ricchezza e la varietà dei differenti gruppi etnici, mostrando come l’ebraismo si sia positivamente inculturato nelle diverse zone geografiche nelle quali ha scelto di vivere o vi è stato costretto. Sono al riguardo interessanti i modelli di 18 sinagoghe: dalla pagoda utilizzata come casa di preghiera proveniente da Kaifeng in China alla sinagoga ultra moderna di Frank Llloyd Wright’s del 1954, il tempio Beth Shalom in Elkins Park, in Pennsylvania. Lo stesso vale per le diverse tipologie di arte, l’istruzione, le differenti lingue e, presso il Feher Jewish Music Center, per le differenti tipologie di musica ebraica, che possono essere ascoltate unitamente alla visione di differenti video musicali, ora anche in forma digitalizzata. Il data base del Centro Feher comprende musiche provenienti dall’India, dalla Spagna, dalla Libia, Grecia, Marocco e da altre parti del mondo per un totale di oltre 5.000 nomi tra direttori d’orchestra, compositori, autori di testi, poeti, traduttori, cantanti ed esperti di musicologia: dalle radici della musica ebraica fino ad oggi. Tra i diversi nomi qui presenti e catalogati ve ne sono alcuni poco noti, come quello di Acan Moses de Zaragua, un poeta del XIV secolo, ed altri estremamente famose come quello del Maestro Leonard Bernstein, celebre per la composizione relativa alla «preghiera ebraica prima di dormire», per la sua direzione della Aaron Copland’s Appalachian Spring e di altri capolavori.

Nel percorso tra le «nazioni» vi è il racconto del rapporto tra gli ebrei e le persone di altre fedi e culture, mentre il «Ritorno a Zion» racconta la storia del sionismo e la specifica influenza del medesimo sulle famiglie. Qui è possibile trovare «alberi genealogici» che mostrano due differenti rami: uno formato dagli ebrei provenienti da tutto il mondo e l’altro formato dai membri delle famiglie giunte in Israele.

Per chi desidera invece una visione cronologica della storia ebraica, attraverso il cosiddetto Chronosphere come all’interno di un teatro si viene condotti passo passo lungo la medesima. Infine, presso il Jewish Genealogy Center, è possibile vivere l’emozione di scoprire i luoghi di origine e la storia della propria famiglia, verificando eventuali origini ebraiche «perdute» nel tempo.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
La farmacia di Dio
Anna Maria Foli

La farmacia di Dio

Antichi rimedi per la salute, il buon umore, la bellezza e la longevità dalla tradizione monastica e francescana
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
Il volo di Nura
Paola Caridi

Il volo di Nura