Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Novità archeologiche nella valle del Cedron

padre Eugenio Alliata ofm
19 marzo 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Di questi tempi a Gerusalemme, un anno fa, fervevano i preparativi per la visita del Papa Benedetto XVI. Il Papa avrebbe dovuto celebrare la Santa Messa il 12 maggio 2009 in uno spazio aperto, capace di accogliere un grande numero di fedeli, nella valle del Cedron con lo sfondo della basilica del Getsemani su di un lato e del Monte del Tempio (oggi Moschea El-Aqsa) sull’altro. I lavori comprendevano la risistemazione dell’area di proprietà della Custodia di Terra Santa, il riordinamento del cimitero  cattolico (in uso tra il 1948 e il 1967), il rifacimento delle terrazze dell’oliveto e la costruzione delle strutture essenziali per l’accoglienza del pubblico. I lavori erano concepiti anche in vista di un futuro utilizzo dell’area da parte dei pellegrini come ampliamento necessario dello spazio di preghiera per il vicino santuario dell’Agonia.

Naturalmente, come accade per quasi tutti i lavori che si intraprendono nell’area della Gerusalemme antica o nei suoi immediati dintorni, non tardarono ad affiorare elementi di antichità che suscitarono l’interesse degli ispettori del dipartimento delle Antichità d’Israele. Normalmente in questi casi i lavori vengono fermati fino a quando non sia possibile intervenire con uno scavo d’urgenza per liberare il luogo dai relativi vincoli legali. In questo caso, la prossimità della programmata visita papale ha suggerito piuttosto il rinvio delle indagini a un tempo successivo alla visita stessa.

Negli scorsi mesi di novembre e dicembre è stato dunque compiuto il programmato intervento archeologico con la prospettiva sempre presente di aggiungere possibili nuove notizie alla storia della città. Le indagini si sono concentrate nelle diverse aree dove erano affiorati elementi di antichità. Nella parte bassa della valle sono strati tracciati frammenti di canalizzazione risalenti al periodo ottomano e rivisitata una cisterna bizantina sulle cui pareti in intonaco spiccavano in rilievo croci e simboli cristiani, purtroppo rinvenuti in peggiore stato di degrado rispetto alle visite precedenti. Sul pendio orientale, in direzione della basilica del Getsemani, iniziavano a comparire i primi elementi murari di un complesso (monastico?) di vasta estensione, probabilmente in rapporto con l’antica chiesa bizantina. Gli edifici continuano ancora sotto la nuova scala d’ingresso e poi sotto la strada pubblica, rendendo comunque impossibile proseguire i ritrovamenti in quella direzione.

Sulla sponda opposta della valle, quella che sale in direzione della città, nonostante l’andamento molto ripido del terreno, sono stati identificati resti di costruzioni di un certo interesse  appartenenti all’epoca erodiana  Si suppone dunque che facessero parte del paesaggio che si stendeva davanti agli occhi dei contemporanei di Gesù. Questi resti sono stati indagati con particolare cura dal momento che ben poco si conosce con sicurezza su questo lato della città. Il luogo si trova poi a poche decine di metri dalla famosa Porta Dorata, se pure ad un livello più basso. L’archeologa israeliana Fanny Vitto che ha condotto i lavori per conto della competente Autorità israeliana ha tenuto una presentazione privata e darà quanto prima una relazione pubblica dei risultati ottenuti.

Lo stato dei ritrovamenti, conservati quasi solo purtroppo a livello di fondazione, non sembra tale da suscitare l’interesse turistico ma solo quello storico e archeologico. Il lato orientale della città di Gerusalemme ci si presenta così oggi un poco più ricco, con la probabile aggiunta di un nuovo quartiere della città, scendendo in direzione del Getsemani.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe