Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Scritte, sputi e diritti dei cristiani

Giuseppe Caffulli
20 gennaio 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Le relazioni tra Israele e Chiesa cattolica sono spesso segnate da tensioni, speranze e delusioni. I lavori della Commissione permanente tra Stato d’Israele e Santa Sede (che durano da ben oltre un decennio e che dovrebbero arrivare a definire questioni di natura economica e fiscale previste dall’Accordo fondamentale del 1993) conoscono arresti e faticose ripartenze. Per non parlare della questione dei visti al personale religioso, o delle polemiche sui presunti silenzi di Pio XII su nazismo e Shoah ogni volta che si accenna alla sua beatificazione. Queste sono alcune delle non facili questioni sul tappeto nel rapporto tra le istituzioni della Chiesa e dello Stato ebraico.

A livello di base, anche altre preoccupazioni toccano i cristiani che vivono in Terra Santa e i responsabili delle Chiese. A metà del dicembre scorso alcuni santuari (il convento francescano del Sion,  la Dormizione e la cattedrale russa della Trinità) sono stati imbrattati con scritte inequivocabili in ebraico: Mawet lanotsrim, «Morte ai cristiani».

C’è poi l’annosa questione degli sputi che gli ebrei ultraortodossi destinano spesso e volentieri a preti e suore di passaggio nella città vecchia o nella Gerusalemme ebraica. Un malvezzo consolidato al punto da costringere il tribunale della comunità degli haredim a condannare all’inizio di gennaio questa pratica poco gradevole rivolta ai «gentili».

Le scritte anticristiane (opera di un pazzo, frutto di una strategia?) e il malvezzo degli sputi non sono certamente imputabili al popolo d’Israele. Ci mancherebbe altro. Ma descrivono un clima che si va diffondendo e che sappiamo essere preso sul serio dalle autorità israeliane.

La denuncia dell’intolleranza è sacrosanta e l’emarginazione dei comportamenti devianti non deve lasciare spazi a fraintendimenti. Ma deve anche essere accompagnata da gesti concreti, che riaffermino il diritto dei cristiani a vivere rispettati e sereni in Terra Santa.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta è per chi vuole approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2020.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 al 2020.

Il file consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Consulta l'indice
Un gesuita felice
Maria Concetta De Magistris, Bartolomeo Sorge

Un gesuita felice

Testamento spirituale
La Festa della tenerezza
Papa Francesco

La Festa della tenerezza

Buon Natale in pensieri e parole
Dante a tavola
Marco Bonatti

Dante a tavola

Avventure del cibo e del gusto nella Commedia
Almanacco della felicità
Anna Maria Foli

Almanacco della felicità

Pagine per un anno dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine