Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
I governi turco e armeno il 10 ottobre scorso hanno siglato un accordo a Zurigo

Ankara ed Erevan dialogano. Ma non è ancora amicizia

Paolo M. Alfieri
30 novembre 2009
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Ankara ed Erevan dialogano. Ma non è ancora amicizia
Stretta di mano fra il presidente turco Abdullah Gul (a sinistra) e il collega armeno Serzh Sargsyan.

Il primo passo, dopo quasi un secolo di ostilità, c’è stato. Eppure ci vorrà tempo, ancora, per far scoppiare davvero la pace tra Turchia e Armenia, Paesi divisi da un genocidio – tra il 1915 e il 1917, ai tempi dell’Impero Ottomano – e, più recentemente, dalla questione della provincia in prevalenza cristiana del Nagorno-Karabakh. Lo scorso 10 ottobre, a Zurigo, i ministri degli Esteri turco Ahmet Davutoglu e armeno Edward Nalbandian, alla presenza, tra gli altri, del segretario di Stato Usa Hillary Clinton, hanno firmato uno storico accordo sulla normalizzazione delle relazioni bilaterali, riallacciando così un dialogo ufficialmente interrotto da tempo. L’intesa si compone di due protocolli: il primo riguarda, appunto, la ripresa delle relazioni diplomatiche, mentre il secondo concerne il successivo sviluppo dei rapporti, con annessa un’appendice che stabilisce una sorta di tabella di marcia per l’attuazione di entrambi i documenti.

Tra i nodi principali c’è la riapertura delle frontiere tra i due Paesi (chiuse dal 1993) entro due mesi dall’entrata in vigore del secondo protocollo, ma, prima di tutto, occorre che l’intesa siglata a Zurigo venga approvata dai rispettivi parlamenti e presidenti. Ed è proprio questo il punto che più preoccupa gli analisti. Il premier turco Tayyp Erdogan, ad esempio, nonostante possa contare su un’ampia maggioranza parlamentare, dovrà infatti fare i conti con un’opposizione tutt’altro che disposta a far concessioni all’Armenia, a meno di importanti progressi sulla questione del Nagorno-Karabakh e della rinuncia, da parte del governo di Erevan, alla pretesa di veder riconosciuti come genocidio i massacri degli armeni avvenuti ai tempi dell’Impero Ottomano.

In Armenia, poi, la firma degli accordi di Zurigo è stata accolta con manifestazioni di protesta da parte di migliaia di persone: le intese, secondo gli oppositori, minacciano gli interessi del Paese e potrebbero avere «conseguenze imprevedibili». Contraria è soprattutto la grande diaspora armena, nata dal problema di fondo che ha avvelenato quasi 100 anni di storia: il genocidio di 1,5 milioni di persone (mentre per Ankara si trattò di 300-500 mila morti provocati dalla guerra civile).

I figli e i nipoti delle vittime di quelle stragi si oppongono, insomma, a qualsiasi accordo con i figli e i nipoti dei persecutori, almeno finché non ci sarà un riconoscimento di quei tragici fatti, riconoscimento del quale la Turchia non vuol nemmeno sentire parlare.

Senza contare, poi la questione del Nagorno-Karabakh. Nel 1993 Ankara interruppe i rapporti con Erevan e chiuse la frontiera con la cristiana Armenia in segno di solidarietà con l’islamico e turcofono Azerbaigian, allora in lotta con i separatisti armeni del Nagorno-Karabakh. La provincia è attualmente sotto il controllo militare armeno, ma la Turchia chiede a Erevan il ritiro delle truppe come gesto di normalizzazione, oltre che come segnale positivo verso l’Azerbaigian, che duramente ha protestato contro gli accordi turco-armeni siglati a Zurigo.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il libro delle preghiere che guariscono

Il libro delle preghiere che guariscono

Le parole che curano e consolano da tutte le fedi e le culture