Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Pellegrini, ritornate ai Sacri Monti

Giuseppe Caffulli
14 novembre 2007
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Nella tradizione cristiana il pellegrinaggio ha sempre occupato un posto privilegiato. Recarsi nei Luoghi Santi per visitare i santuari legati alla memoria della vita terrena di Gesù è stata un’aspirazione costante dei fedeli di tutti i tempi. Il viaggio e le sue difficoltà hanno poi rappresentato da sempre il cammino della conversione, con le cadute e le risalite proprie della condizione umana.

C’è stato un tempo, però, in cui il pellegrinaggio fisico ai Luoghi Santi, per ragioni storiche e politiche, non fu più possibile. Così la nostalgia della Terra Santa, nell’Europa del Rinascimento, diede vita a una straordinaria invenzione: i Sacri Monti. In questo modo il pellegrinaggio tornò ad essere possibile, almeno simbolicamente. È a questa realtà (di fede e di arte) che dedichiamo il dossier di questo numero della rivista.

Nel farlo, vorremmo sottolineare con forza la necessità di riscoprire l’intimo legame che unisce queste «cittadelle dello spirito» con la Terra Santa.

I Sacri Monti sono considerati giustamente oasi di riposo, di pace, di silenzio. Nella maggior parte dei casi, però, sono conosciuti più come mete di turismo domenicale (ancorché religioso) che non come luoghi di ascesi, come è invece nella loro storia e nella loro natura.

Auspichiamo che i tanti pellegrini che si recano ogni anno in Terra Santa prendano nuovamente possesso dei Sacri Monti; li frequentino durante la preparazione spirituale al viaggio, ci ritornino poi per fare memoria delle esperienze vissute. Recuperino in sostanza il senso originario di questi luoghi, la loro valenza teologica ed ecclesiale.

I Sacri Monti, anche nella società di oggi, possono continuare a svolgere il loro compito: accompagnarci nel cammino della fede e richiamarci alle nostre  responsabilità verso i Luoghi Santi.

Abbonamenti

Per ricevere la rivista Terrasanta (6 numeri all’anno) la quota d’abbonamento è di 32,00 euro. Disponibile, a 22,00 euro, anche la versione digitale in formato pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2021.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 al 2021.

Il file consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Consulta l'indice
RICETTE D’ORIENTE – Le religioni a tavola
Anna Maria Foli

RICETTE D’ORIENTE – Le religioni a tavola

Le religioni a tavola
L’amaro l’offrite voi?
Bernardo De Luca

L’amaro l’offrite voi?

Avventori e avventure di un ristoratore romano a Roma
Il Presepe nell’arte – II edizione
Rosa Giorgi

Il Presepe nell’arte – II edizione

Viaggio nell’iconografia della Natività