Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Insignificante Nazaret, germoglio del Salvatore

padre Eugenio Alliata
10 settembre 2007
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

È praticamente ammesso da tutti che la città di Nazaret non sarebbe probabilmente entrata nella storia se non fosse stato per Gesù. Il luogo non è menzionato nell’Antico Testamento, né in Giuseppe Flavio (storico ebreo del primo secolo), né negli scritti dei rabbini (Mishna, Talmud, Midrashim). Una iscrizione rinvenuta nel 1962 negli scavi della sinagoga di Cesarea Marittima elenca tra le famiglie sacerdotali quella di Happizzez come residente di Nazaret, ma solo a partire dal II sec. d.C. La città di Nazaret fa invece la sua comparsa nel Nuovo Testamento (Vangeli e Atti degli Apostoli) sotto le forme di «Nazarèth» e «Nazarà  (la radice è nezer, «germoglio») rese per semplicità con «Nazaret» nella traduzione italiana della Cei.

A partire da queste difficoltà riguardanti il nome della città (ma anche l’aggettivo corrispondente), qualcuno è arrivato a ipotizzare che Nazaret non fosse che un abitato insignificante, se non affatto inesistente, all’epoca di Gesù. Una rapida ricerca su Internet mostra con evidenza quanto sia ampia la discussione a proposito di questo argomento.

Un tale dubbio è assente dalle fonti cristiane dei secoli IV-VI che precisano la sua posizione geografica e ne conoscono la memoria evangelica: «Nazaret. Da cui il Cristo fu chiamato Nazoreo, e anche noi – che siamo ora chiamati Cristiani – eravamo detti in antico Nazareni. Ancora oggi è (aggiunge san Girolamo: un villaggio) in Galilea di fronte a Legio, a circa 15 miglia verso oriente, presso il monte Tabor» (Eusebio di Cesarea, Onomasticon, 138-139). Lo stesso Eusebio nella Storia Ecclesiastica (III,20) cita Egesippo (autore del II sec. dC): «In quel tempo vivevano ancora i parenti del Salvatore». La situazione non doveva essere molto cambiata nel VI sec. quando il pellegrino Anonimo di Piacenza, fa risalire la gentilezza delle donne di Nazaret che vivevano nei pressi della Casa di Maria, trasformata in chiesa, al fatto che ritenessero la Madre di Gesù «loro parente».

Gli scavi condotti nell’area della basilica dell’Annunciazione, oltre a illustrare lo sviluppo del luogo sacro permettono allo studioso di gettare uno sguardo incondizionato anche all’ambiente umano nel quale la memoria evangelica si incastonava. Una buona parte del complesso reticolo di grotte ed avanzi murari rinvenuti sono stati lasciati scoperti e rimangono visibili fino ad oggi. Si possono riconoscere le stanze parzialmente scavate nella tenera roccia locale, secondo l’uso caratteristico dell’epoca antica e cisterne per immagazzinare l’acqua piovana, cosa veramente utile, essendo la fonte del villaggio a una decina di minuti di distanza. Qua e là si aprono le bocche rotonde dei silos, scavati a volte a diversi piani sovrapposti, per lo stoccaggio dei prodotti agricoli. Giusto a nord della grotta venerata è ricavato un pressoio per produrre il vino e cellieri per la sua conservazione. Alcune grotte sono servite come stalle per gli animali, a giudicare dalle mangiatoie scavate anch’esse nella roccia. Non mancano le vasche dove gli abitanti praticavano il bagno rituale, secondo le consuetudini ebraiche.

Certo l’uso di questi ambienti si è sviluppato per diversi secoli, come dimostra lo studio dei reperti, fra i quali però non mancano frammenti delle tipiche «lucerne erodiane» e dei vasi in pietra lavorata a tornio. Come si può negare che Nazaret esistesse nel primo secolo? Non era forse famosa come Gerusalemme e Betlemme, o fiorente come Cana e Cafarnao, per non parlare di Magdala… Eppure qualcosa di buono per tutti è venuto proprio di là.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
La farmacia di Dio
Anna Maria Foli

La farmacia di Dio

Antichi rimedi per la salute, il buon umore, la bellezza e la longevità dalla tradizione monastica e francescana
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
Il volo di Nura
Paola Caridi

Il volo di Nura