Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Laicità dello Stato e testimonianza cristiana

padre David M. Jaeger
11 luglio 2007
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Anni fa un’organizzazione protestante americana premeva sulla Santa Sede perché firmasse un appello alle autorità israeliane per impedire ai cinema in Israele di mostrare al pubblico un film blasfemo. Il dicastero vaticano interessato mi chiese un parere. Avendo visto il corpus delicti in videocassetta, per un senso di dovere, risposi al dicastero che: sì, certo, si trattava di un film (L’ultima tentazione di Cristo) noiosissimo, volgare, osceno e massimamente blasfemo. Ma che assolutamente non si firmasse nessun appello! In Israele (e situazioni analoghe), spiegai, la Chiesa non si può mai permettere di mettersi contro la libertà (di stampa, di espressione, di assemblea e così via).

La libertà – proprio la libertà del minoritario, del diverso, di colui che offende il sentire comune, che dà fastidio ai ceti più influenti –  è l’ossigeno richiesto per l’evangelizzazione: offre la possibilità di dare testimonianza a Cristo laddove anche il Nome stesso di Lui viene considerato un’indecenza! Gli stessi argomenti di cui ci si sarebbe serviti per vietare L’ultima tentazione di Cristo potrebbero servire per vietare per esempio Fratello Sole Sorella Luna (in quanto propaganda favorevole alla religione cristiana) o ancora il Gesù di Nazareth di Zeffirelli (che «glorifica» la fede in «quell’uomo», l’innominabile, e nobilita il detestato Suo simbolo, la Croce).

In più, gli unici ambienti sociali-culturali-politici che avrebbero sostenuto la nostra libertà – dissi ancora in quel parere – sarebbero stati proprio quelli oltremodo laicisti, «anticlericali», «liberali», proprio coloro che devono essere convinti che il cristianesimo non è per nulla simile agli establishment teocratico-oscurantisti che essi detestano in Israele. Se poi dessimo loro l’impressione che, invece, esiste una forte analogia tra noi cristiani e i fondamentalisti di casa loro, ecco che se ne andrebbe anche questo ultimo appoggio potenziale sul quale avremmo potuto contare!

Il cristianesimo, infatti – ho sempre cercato di convincere di questo fatto quegli ambienti felicemente secolarizzati – è un’altra cosa: non ha nulla a che fare con le pesantezze delle antiche teocrazie; è un annuncio, gioioso, di un evento di salvezza, di libertà, di liberazione divina, che a sua volta è il più solido fondamento delle libertà umane e civili, degli inalienabili diritti della persona e della sua inviolabile dignità. Il dicastero mi diede ascolto, e la questione rientrò. E il film, in ogni caso – come avevo anche previsto – non ebbe successo: era veramente orribile.

Della laicità dello Stato si parla molto in Europa, spesso lamentandoci di un «laicismo estremista» che sembra voler tagliare via le proprie radici. Ma non dimentichiamo mai che, in vista della libertà di annunciare il Vangelo, di aderirvi, di testimoniarlo, la laicità dello Stato, laddove esiste, è preziosa e da tutelare. E laddove non esiste ancora compiutamente, è da caldeggiare e da promuovere.

Israele è stato fondato da un movimento nazionale laico, ma attualmente fa ancora fatica ad essere pienamente coerente con la propria vocazione alla «laicità» – con tutto quello che comporta rispetto alle libertà democratiche e personali. Dobbiamo saper apprezzare questa sua vocazione, mostrandoci con essa solidali, e guardandoci bene dall’apparire tra coloro  che vorrebbero trascinare lo Stato e la società in una direzione diversa.

In Israele, siamo tutti «laici» (e anche in Palestina, naturalmente).

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il libro delle preghiere che guariscono

Il libro delle preghiere che guariscono

Le parole che curano e consolano da tutte le fedi e le culture