Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Breve visita a uno dei più antichi e importanti monasteri dell'Egitto copto.

Sant’Antonio del Deserto

Alberto Elli
14 gennaio 2007
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Il Dayr Anba Antunyus, come chiamano in arabo il Monastero di sant’Antonio, è uno dei più antichi e più importanti monasteri dell’Egitto, posto nel cuore della catena arabica, il sistema montuoso che delimita ad est la valle del Nilo, nella regione di Zaffarana, sul mar Rosso, 260 chilometri a sudovest del Cairo.

La sua origine risale agli inizi del IV secolo quando Antonio, che da anni si era ritirato in solitudine per vivere nella preghiera e nella mortificazione il suo personale rapporto con Dio, disturbato dal numero sempre crescente di persone che venivano a lui attratte dalla sua fama per chiedergli preghiere e consigli si aggregò a una carovana di beduini che si inoltrava nel deserto arabico e andò a ritirarsi in una grotta ai piedi del monte al-Qulzum (Klysma), nello Wadi al-‘Arabah, a circa trenta chilomentri dal Mar Rosso. Qui, dove una sorgente rendeva possibile la vita, in vicinanza del luogo ove ora sorge il monastero, dapprima solo e poi con la compagnia di alcuni discepoli, Antonio visse per quarant’anni, fino alla morte, avvenuta, all’età di centocinque anni, il 17 gennaio 356.

Il fenomeno dell’anacoretismo era già diffuso al tempo, ma non aveva ancora raggiunto l’aspetto di esodo dai luoghi abitati che si verificò sulla scia e sull’esempio di Antonio; a buon diritto, quindi, egli ha avuto il titolo di «padre del monachesimo». Quando ancora era vivo Antonio, infatti, e sul suo esempio, la pratica dell’eremitismo si diffuse in maniera sorprendente.

Inizialmente costituita da un certo numero di celle isolate, raccolte attorno a una chiesa, a un pozzo e a un refettorio per i pasti in comuni, la primitiva comunità si è allargata nel tempo. Ora il monastero si presenta come una vera e propria cittadella, circondata da un’alta cerchia di mura e abbellita dal verde di un rigoglioso palmeto.

Tra le numerose chiese antiche che l’insediamento monastico conserva, una di esse è particolarmente degna di nota, la chiesa di Sant’Antonio. Gli affreschi che la decorano, recentemente riportati allo splendore originale grazie a un intervento di restauro magistralmente compiuto da specialisti italiani, rappresentano il più completo e meglio conservato programma iconografico di pittura cristiana dell’Egitto medievale.

Due i cicli artistici, ugualmente importanti per l’arte copta: il primo del settimo-ottavo secolo, il secondo del tredicesimo secolo. Di particolare interesse è anche la biblioteca del convento, che custodisce antichi manoscritti.

Il fascino della figura di Antonio fu rafforzato e continuato dall’influenza straordinaria esercitata dalla Vita di sant’Antonio, la sua biografia, scritta in greco dal patriarca alessandrino Atanasio, così come comunemente si ritiene, poco dopo la morte del grande eremita. Un’opera che ebbe straordinaria diffusione, diventando un vero best-seller

All’interno del complesso monastico, oltre alle celle dei monaci e alle chiese, sorgono oggi anche nuove costruzioni destinate per lo più all’accoglienza dei pellegrini copti (e non solo), che sempre più numerosi accorrono in quest’oasi spirituale. Il silenzio del deserto aiuta i pellegrini ad entrare in contatto profondo con le proprie radici cristiane.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta (fino al 2005 La Terra Santa) compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
In nome dell’amore
Simone Weil

In nome dell’amore

Investigazioni spirituali su Gesù di Nazaret
«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

Letture di testi sacri per vivere insieme
Atti degli apostoli: analisi sintattica
Lesław Daniel Chrupcała

Atti degli apostoli: analisi sintattica

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico