Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

I diritti negati e il baratro della violenza

Giuseppe Caffulli
15 gennaio 2007
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Leggo nel sito web di B’Tselem, una delle più note organizzazioni israeliane impegnate nella difesa dei diritti umani, le statistiche del conflitto che non smette di seminare morte in Terra Santa. Secondo il Rapporto 2006, che ci aiuta a toccare con mano la brutalità della guerra, l’anno passato sono state 683 le vittime sui vari fronti. Ma quel che preoccupa i ricercatori è «il deteriorarsi della situazione dei diritti umani nei Territori occupati, l’aumento delle vittime civili e la distruzione di case e infrastrutture nella Striscia di Gaza. Nello stesso tempo, assistiamo a un aumento delle violazioni alle libertà fondamentali anche per i civili israeliani».

Sul fronte delle vittime, sono 660 i palestinesi uccisi dall’esercito israeliano nei Territori occupati e in Israele (4.005 dall’inizio dell’Intifada). Di questi 141 minori e 322 civili. Dal rapimento del caporale Gilad Shalit, nel giugno scorso, l’esercito israeliano ha ucciso nella sola Striscia di Gaza 405 palestinesi. Tra questi 88 minori e 205 civili.

I palestinesi, da parte loro, nel 2006 hanno ucciso in azioni di guerra o in atti di terrorismo 17 civili israeliani (701 le vittime civili dall’inizio dell’Intifada), sia nei Territori che in Israele. Sei le vittime tra i militari (316 dall’inizio dell’Intifada). Nelle operazioni militari nella Striscia di Gaza, l’esercito israeliano ha distrutto 279 case; 1.769 i senzatetto.

Tra gli aspetti che toccano maggiormente la vita delle persone e delle famiglie, i check-point permanenti: 54. Ad essi si aggiungono 160 posti di blocco «volanti» e centinaia di barriere, che impediscono spesso di raggiungere campi, scuole e ospedali.

Rimettiamo la persona e i suoi diritti fondamentali al centro, esorta il Papa nel Messaggio per la Giornata della pace 2007: solo così cessarà la guerra. Un appello che in Terra Santa appare l’unica strada per non sprofondare nel baratro.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta (fino al 2005 La Terra Santa) compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme
Una forma di vita secondo il Vangelo
Francesco Patton

Una forma di vita secondo il Vangelo

Schede di riflessione sulla Regola bollata per la formazione permanente in fraternità
L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo
Gesù per le strade
Magdeleine di Gesù

Gesù per le strade