Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Riconciliazione, unico antidoto alla diaspora

Giuseppe Caffulli
27 settembre 2006
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Mentre i caschi blu italiani si stanno dispiegando in Libano sotto le bandiere dell’Unifil (l’acronimo sta per United Nations Interim Forces in Lebanon), c’è un’immagine che rimbalza nei tanti blog che i giovani libanesi gestiscono su Internet: una bandiera libanese reca, al posto dell’albero di cedro, una valigia.

La voglia di lasciare il Paese sembra si stia impadronendo di una larga fetta della popolazione (nuovamente, verrebbe da dire: il Libano già ha conosciuto, a più riprese, il fenomeno dell’emigrazione). Secondo un sondaggio pubblicato sul quotidiano L’Orient-Le Jour di Beirut, il 54 per cento dei cristiani, il 51 per cento dei musulmani sunniti e il 40 per cento degli sciiti pensa il proprio futuro fuori dal Libano.

Questa è oggi la realtà del Paese dei cedri: una nazione alle prese con un clima di sfiducia, quasi di rassegnazione, dopo l’euforia seguita alla «primavera di Beirut» e alla fine dell’occupazione militare siriana.

L’arrivo delle forze Onu è un passo importante per la stabilizzazione della regione. Ma non basta certo a risolvere i problemi. Men che meno può bastare il fiume di soldi che si sta riversando sul Libano e sull’Autorità nazionale palestinese da parte dei Paesi donatori convenuti a Stoccolma a fine agosto. La storia recente ha mostrato (vedi i fondi destinati dall’Occidente e dall’Unione europea all’Anp e alla ricostruzione del Libano negli anni Ottanta) che è inutile usare i soldi per gettare una cortina fumogena sui problemi. Che alla fine riemergono.

Solo un’azione forte, capace di portare le parti in causa al tavolo dei negoziati, e il coraggio di investire sulla realizzazione della pace (che significa in prima battuta rimuovere le ingiustizie e abbandonare le logiche di sopraffazione), potrà regalare al Medio Oriente una stagione nuova, nel segno della riconciliazione.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe