Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Giorgio Bernardelli

La Porta di Jaffa

Milano, 26/04/2007

Yehoshua: «Piangiamo insieme i nostri morti»

Una giornata per ricordare contemporaneamente, in Israele e nei Territori palestinesi, le vittime civili del conflitto. È la proposta che lo scrittore israeliano Abraham Yehoshua lancia attraverso l'articolo che riproponiamo oggi, pubblicato sulle colonne di Yediot Ahronot. La proposta nasce nel clima di questi giorni, in cui Israele ha ricordato il 59.mo anniversario della sua fondazione.

Il caso Bishara
Milano, 23/04/2007

Il caso Bishara

Per una settimana il suo nome ha campeggiato sulle prime pagine dei quotidiani israeliani. Alla fine Azmi Bishara, uno dei dieci arabi-israeliani a sedere tra i 120 membri del Parlamento israeliano, ha dato le dimissioni dalla Knesset. Lo accusano di collaborazionismo con gli Hezbollah e la Siria durante la guerra dell'estate scorsa. La vicenda Bishara rilancia la questione degli arabi-israeliani considerati sempre di più dai connazionali ebrei come una sorta di quinta colonna del nemico. Tra le molte voci, riportiamo un'analisi del settimanale egiziano Al-Ahram e le dichiarazioni di alcuni parlamentari delle destra israeliana raccolte dal sito dei coloni Arutz Sheva.

Milano, 19/04/2007

Mozart a Ramallah

La musica di Mozart tra Nablus, Betlemme e Ramallah. Suonata da concertisti di livello internazionale, per una buona metà palestinesi. Uno dei problemi più gravi dei racconti del conflitto israelo-palestinese sono le immagini stereotipate che rimbalzano sui nostri mass media. Quelle in cui Israele e i Territori sono solo i caccia F16 e i kamikaze di Hamas. Invece c'è anche altro. Ce ne dà conto un articolo di Haaretz.

Gli ebrei che resistettero all’Olocausto
Milano, 16/04/2007

Gli ebrei che resistettero all’Olocausto

In queste ore Israele celebra la sua Giornata della memoria che cade ogni anno il 27 del mese di Nisan, pochi giorni dopo la Pasqua ebraica. La data ricorda la rivolta del ghetto di Varsavia, il più famoso tra gli episodi di resistenza messi in atto durante la persecuzione nazista. Quella simboleggiata dalla rivolta nel ghetto di Varsavia fu, però, davvero l'unica forma di resistenza ebraica al nazismo? È la domanda che si pone l'articolo che proponiamo oggi, pubblicato in questi giorni sul Jerusalem Post. Matthew Wagner ricostruisce la questione dell'opposizione alla Shoà attraverso la prospettiva degli haredi, i religiosi ultraortodossi.

Milano, 12/04/2007

Scambi impossibili

Negli ultimi giorni è tornata in prima pagina sui quotidiani della regione mediorientale la questione delle trattative sulla liberazione di Gilad Shalit, il caporale dell'esercito israeliano rapito a Gaza il 25 giugno scorso e tuttora nelle mani di Hamas. Il governo palestinese ha fatto avere a quello israeliano una lista di un migliaio di prigionieri palestinesi attualmente nelle carceri israeliane al fine di procedere a uno scambio. Ma sembra essere un vicolo cieco e allora varie voci sulla stampa, anche palestinese, invitano il governo Haniyeh a spiazzare gli israeliani con un rilascio unilaterale.

Hebron, pietra d’inciampo
Milano, 10/04/2007

Hebron, pietra d’inciampo

Nella città di Hebron è in corso un nuovo capitolo di quella politica del «fatto compiuto» che ha accompagnato per quarant'anni la crescita degli insediamenti israeliani in Cisgiordania. Da un paio di settimane, infatti, una ventina di famiglie di coloni abita in un edificio di quattro piani nel mezzo di una zona interamente araba e hanno intenzione di ristrutturarlo per poter ospitare altre venti famiglie. Il ministro israeliano della Difesa ha promesso che li farà sgombrare, ma non c'è da giurarci. In Israele se ne discute e noi vi riferiamo due opposti pareri riportati sulla stampa.

Milano, 05/04/2007

L’Egitto guarda a est, molto più a est

Il protagonismo diplomatico dell'Arabia Saudita segna il declino del ruolo svolto per anni dall'Egitto nello scacchiere del Medio Oriente? La domanda è rimbalzata al Cairo dal recente vertice della Lega Araba di Riad. Un interrogativo che, sulle colonne del settimanale egiziano Al-Ahram, affronta anche lo storico Anouar Abdel-Malek, uno dei maggiori studiosi dell'era Nasser. Un articolo che offre una prospettiva interessante per guardare a un altro scenario che, sotto traccia ma in maniera non meno significativamente, va muovendosi nella regione.

Il guardiano del valico
Milano, 02/04/2007

Il guardiano del valico

Un generale italiano comanda gli osservatori dell'Unione Europea dislocati al valico di Rafah tra Egitto e Striscia di Gaza. È Pietro Pistolese (66 anni), ufficiale dei Carabinieri di origini emiliane. Il quotidiano Jerusalem Post lo ha intervistato nei giorni scorsi per chiedergli come valuti la situazione odierna dell'unico posto di frontiera tra Egitto e Territori palestinesi. Ecco cosa ne dice il generale.

Milano, 29/03/2007

Il rilancio del piano di pace arabo

Il vertice della Lega Araba in corso a Riyadh ha rilanciato ieri il Piano di pace arabo del 2002 per la soluzione del conflitto israelo-palestinese. Un Piano che mette sul tavolo la disponibilità da parte dei 22 Paesi arabi a riconoscere Israele in cambio della nascita di uno Stato palestinese entro i confini del 1967. Ci si chiede se possa finalmente essere la strada giusta. Vi riferiamo il punto di vista dell'analista israeliano Yossi Alpher su bitterlemons.org, voce piccola, ma molto letta nei circoli della diplomazia internazionale.

Rimpianto di una città-giardino
Milano, 27/03/2007

Rimpianto di una città-giardino

Il prossimo anno Tel Aviv compie 100 anni. Ma che tipo di città sta diventando? È la domanda che si è posto in questi giorni sul quotidiano Haaretz l'architetto e urbanista Israel Goodovitch, il quale proprio non ama i grandi grattacieli in costruzione nella più moderna città israeliana. Goodovitch ricorda ai suoi connazionali come negli anni Trenta Tel Aviv fosse stata pensata come una «città giardino».

Milano, 22/03/2007

Perché la Striscia di Gaza non diventi un altro Libano

In un articolo sul Jerusalem Post il giornalista Tommy Lapid, già ministro nel penultimo governo Sharon, esamina (e rifiuta) l'idea che circola tra le destre israeliane: riprendere il controllo militare della Striscia di Gaza e avviare una meticolosa ricerca degli armamenti che Hamas sta ammassando, per evitare che il movimento islamista raggiunga la capacità operativa degli hezbollah libanesi. L'invasione, scrive Lapid, non darebbe frutti. Meglio tenere duro con l'embargo al governo palestinese per indurlo a più miti consigli. Senza escludere estremi rimedi.

Il Medio Oriente è a una svolta?
Milano, 19/03/2007

Il Medio Oriente è a una svolta?

Arabia Saudita e Iran dialogano e questa è una buona notizia per chi teme una guerra che sembrerebbe imminente. Si apre un nuovo capitolo per il Medio Oriente? Se lo chiede un giornalista di Gulf News, il quotidiano degli Emirati Arabi Uniti, a pochi giorni dal vertice della Lega Araba che si terrà a Ryad verso fine marzo. All'ordine del giorno l'iniziativa di pace dell'Arabia Saudita che propone tra l'altro il riconoscimento di Israele da parte degli Stati arabi in cambio di un ritiro dai Territori occupati.

Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il libro delle preghiere che guariscono

Il libro delle preghiere che guariscono

Le parole che curano e consolano da tutte le fedi e le culture