Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Finis terrae


Giuseppe Caffulli

Truppe senegalesi in Arabia per arginare il contagio yemenita

L’Arabia Saudita si è messa in caccia di alleati nella lotta ormai senza quartiere tra blocco sunnita e blocco sciita (del quale è principale ispiratore l’Iran). E finalmente sembra aver trovato il partner giusto. Secondo la stampa africana, il Senegal si sarebbe detto disponibile a mandare 2.100 militari a sostegno della campagna avviata in Yemen dall’Arabia Saudita.

Giuseppe Caffulli

L’Egitto sogna una nuova capitale

Ci risiamo. Il sogno di Sadat rinasce grazie al nuovo governo del generale Abdel Fattah al Sisi. C'è infatti anche un'intera «nuova capitale» egiziana da cinque milioni di abitanti nei progetti del Cairo presentati alla Conferenza sullo sviluppo economico dell'Egitto che si è tenuta a metà marzo a Sharm El Sheikh. La nuova megalopoli avrà oltre un milione di abitazioni e sorgerà sulla via che dal Cairo va verso il Mar Rosso.

Giuseppe Caffulli

È guerriglia a Sana’a e lo Yemen esce dal cono d’ombra

Sana’a è una città di fango e sabbia, un microcosmo fragile che negli ultimi giorni ha rischiato di schiantarsi sotto le raffiche delle milizie sciite. Dopo aspri combattimenti, il presidente yemenita Abd Rabbo Mansour el-Hadi e gli insorti Houthi, hanno fortunatamente raggiunto un accordo per uscire dalla crisi dopo diversi giorni di violenze e la presa del palazzo presidenziale. Cessato l'allarme, lo Yemen tornerà nel cono d'ombra in cui lo relegano i media internazionali?

Giuseppe Caffulli

Nuovi fondi per l’assistenza ai profughi siriani da parte del Pam

Di tanto in tanto, pur nella gravità della situazione del Medio Oriente, fa piacere segnalare qualche buona notizia. Il Programma alimentare mondiale (Pam) ha annunciato a metà dicembre il totale delle donazioni ricevute dai governi a favore della ripresa dell’assistenza alimentare a 1 milione e 700 mila profughi siriani: 88,4 milioni di dollari, ben oltre i 64 milioni necessari a finanziare per dicembre il programma per rifugiati non residenti nei campi profughi.

Giuseppe Caffulli

Intifada dei bambini, un prezzo troppo alto

A metà ottobre, presso l’Università di Herzliya, la città intitolata al fondatore del sionismo, ha avuto luogo un convegno dal titolo: «Coinvolgimento dei bambini nel terrorismo». Dato il clima che si respira da molte settimane in Israele, il discorso ha trattato anche il caso di tanti minori palestinesi che sono per le strade a lanciare sassi. Sono bambini o terroristi?

di Giuseppe Caffulli

Quegli arabi in Turchia «ospiti» sgraditi

C’è una Turchia che i media occidentali stentano a rappresentare. O che ignorano del tutto. È quella della gran massa di profughi presenti nel Paese, in fuga dalle guerre che hanno toccato il Medio Oriente negli anni recenti. Si tratta di rifugiati iracheni, di curdi, ma soprattutto di siriani. Un'ondata «araba» che genera malumori tra i turchi.

di Giuseppe Caffulli

Nello Yemen si apre un nuovo fronte tra opposti estremismi

Mentre l’aviazione statunitense, insieme ad una coalizione di Stati arabi, sta procedendo a sbandare i miliziani dello Stato islamico (Is), bombardando postazioni strategiche, mezzi militari, ma soprattutto pozzi petroliferi, altri fronti purtroppo si aprono nel martoriato Medio Oriente. Capita nello Yemen, il più povero tra i Paesi del mondo arabo.

di Giuseppe Caffulli

Le bandiere nere del califfo sventolano alle porte di Israele

Il 27 agosto sulle alture del Golan (presidiate da decenni, senza grandi mezzi, da un contingente di caschi blu dell’Onu), la Siria è intervenuta con l’aviazione per contrastare l’attacco da parte delle milizie islamiste al valico di Quneitra, a 200 metri dalla zona occupata e amministrata da Israele dal 1967. Un avamposto simbolico, per i jihadisti, che così bussano, minacciosi, alle porte di Israele.

di Giuseppe Caffulli

Se l’esercito dimentica di essere laico

I razzi di Hamas continuano a disegnare le loro sinistre parabole nel cielo di Terra Santa; i raid aerei, i droni e i carri-armati d’Israele continuano a mietere vittime (ad oggi oltre 1.600, senza contare le migliaia di feriti). Un conflitto sanguinoso, senza esclusioni di colpi su entrambi i fronti. Eppure, c’è chi riesce a vederci del buono. Militari che arruolano Dio, e la sua mano onniponete, dalla propria parte.

di Giuseppe Caffulli

Voci dall’esodo di Mosul

Secondo le organizzazioni umanitarie, sono almeno 10 mila i cristiani che hanno lasciato nelle ultime settimane la Piana di Nivive (l’area nord-orientale nei pressi di Mosul, in Iraq). Proprio in questa zona si sono concentrati gli scontri tra i peshmerga curdi e i militanti dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil), che proprio a Mosul hanno insediato il loro autoproclamato califfo. I racconti di alcuni profughi.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Il bosco dei centenari
Giuseppe Caffulli

Il bosco dei centenari

Il libro del cuore
Luca Antonio Fallica

Il libro del cuore

Incontrare Davide
Pedalande
Beatrice Filippini

Pedalande

In solitaria su una bici pieghevole dalla Colombia alla Terra del Fuoco
I verbi di Dio – edizione economica
Carlo Maria Martini

I verbi di Dio – edizione economica

Con riflessioni sui miracoli di Gesù e sul sogno di un'esistenza alternativa