Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Fuoco santo: la Corte suprema autorizza quattromila partecipanti

Cécile Lemoine
21 aprile 2022
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Fuoco santo: la Corte suprema autorizza quattromila partecipanti
Fedeli cristiani ortodossi prendono parte alla cerimonia del fuoco santo presso nella basilica del Santo Sepolcro, 1 maggio 2021. (foto Olivier Fitoussi / Flash90)

Il numero di persone autorizzate a entrare nel Santo Sepolcro per la cerimonia del Fuoco santo ortodosso, originariamente fissato a mille, mercoledì 20 aprile è stato portato a quattromila, dopo che il caso è finito davanti alla Corte suprema di Israele.


Portato davanti alla Corte suprema israeliana dalle istituzioni ortodosse di Gerusalemme, il caso delle quote di ingressi al Santo Sepolcro per la cerimonia del Fuoco santo ha conosciuto un nuovo sviluppo giovedì 21 aprile, quando la massima entità giuridica del Paese ha deciso di elevare la quota di permessi, inizialmente fissata a mille persone, a quattromila persone.

Leggi anche >> Pasqua ortodossa, solo mille persone ammesse al Santo Sepolcro

Puntando sul tema della libertà di culto, le istituzioni cristiane speravano nell’annullamento di queste quote, decise unilateralmente da una polizia israeliana che afferma di voler evitare movimenti di folla che possono causare incidenti mortali. La sentenza stabilisce che la polizia ha il diritto di chiudere la basilica una volta raggiunte le quattromila persone presenti e che tutti i posti di blocco israeliani saranno mantenuti all’interno della città vecchia di Gerusalemme.

Un precedente legale

La decisione finale suscita preoccupazione: «Lo Stato ora è coinvolto negli affari cristiani. Ciò costituisce un precedente legale e potrebbe conferire ai tribunali israeliani un’autorità che prima non esisteva sulla basilica del Santo Sepolcro», ha affermato un membro del Patriarcato greco-ortodosso.

Le espressioni di sostegno della comunità palestinese si sono moltiplicate: «Se consentiamo all’occupante israeliano di imporre arbitrariamente restrizioni che alterano il modo in cui da secoli viene celebrata la Pasqua a Gerusalemme, saremo certamente complici dei suoi piani per rendere la città esclusivamente ebraica con una presenza araba solo simbolica», ha commentato su Twitter Sami Abu Shahadeh, storico palestinese, leader del partito Balad/Tajamu e membro della Knesset.

Decine di migliaia di fedeli si accalcano solitamente nel Santo Sepolcro per assistere al miracolo del Fuoco santo. La cerimonia, che si terrà questo sabato, 23 aprile, precede la Veglia pasquale dei cristiani ortodossi e simboleggia la luce miracolosa della risurrezione di Cristo.

Leggi anche >> Il Fuoco santo che si sparge dal Sepolcro del Risorto

Secondo la tradizione, il fuoco appare spontaneamente, senza strumenti né mano umana, nello stesso luogo e alla stessa ora del Sabato santo. Accende una candela, portata spenta alla tomba di Cristo. Il fuoco viene poi trasmesso di candela in candela dai pellegrini che accorrono in numero che può provocare resse.

I Patriarcati armeno e greco-ortodosso di Gerusalemme, così come il Custode di Terra Santa, hanno inviato lunedì 18 aprile una lettera al presidente israeliano Isaac Herzog esprimendo il loro «disaccordo» rispetto alle restrizioni che ritengono «ingiuste e inspiegabili». Hanno invitato ciò nonostante i fedeli a partecipare alla cerimonia.


Abbonati anche tu alla rivista Terrasanta

il bimestrale fondato dalla Custodia di Terra Santa, a Gerusalemme, nel 1921
68 pagine a colori dense di servizi e approfondimenti su culture, religioni, attualità, archeologia del Medio Oriente e delle terre bibliche.

Da più di 100 anni un punto di riferimento. Ogni due mesi nelle case dei lettori.

Le modalità di abbonamento
Ricette d’Oriente – Le religioni a tavola
Anna Maria Foli

Ricette d’Oriente – Le religioni a tavola

Le religioni a tavola
L’amaro l’offrite voi?
Bernardo De Luca

L’amaro l’offrite voi?

Avventori e avventure di un ristoratore romano a Roma