Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il potere della scrittura

AA.VV.
16 settembre 2021
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il potere della scrittura
Fratel Boulus al lavoro nella sua cella presso il monastero di San Marco, nella città vecchia di Gerusalemme.

Ancora oggi, presso ebrei, musulmani e cristiani la scrittura esprime il legame tra umano e divino. Un segno che si fa arte, armonia e bellezza. In questo dossier vi raccontiamo alcune storie che lo testimoniano.


Com’è possibile che, in un’epoca dominata dalla tecnologia come quella in cui viviamo, ci siano ancora persone, all’interno delle religioni (monoteiste e non) che si dedicano alla calligrafia, cioè alla trascrizione manuale dei testi sacri? Sappiamo bene come la comparsa della scrittura, avvenuta verso il IV millennio a.C. in area mesopotamica, fu dettata da un lato da esigenze pratiche, diremmo oggi contabili (registrare beni e movimenti commerciali), ma fu fortemente ispirata da pratiche divinatorie e religiose. Il segno stesso, la singola lettera, è da sempre associata alla forza creatrice, a un potere che va oltre il mero ruolo di rappresentazione di una parola o di un suono. Presso alcune civiltà, la scrittura è stata attribuita agli dei: Nabu per i babilonesi, Thoth per gli egiziani ed Ermes per i greci. Ancora oggi, presso ebrei, musulmani e cristiani (soprattutto orientali) la scrittura esprime questo legame tra umano e divino. Un segno che si fa arte, armonia e bellezza. In questo dossier vi raccontiamo alcune storie che testimoniano questo misterioso e ancestrale rapporto tra il segno e il significato. Tra il Verbo, la Parola che crea e il mondo creato, abitato dall’uomo. (g.c.)

(Questa è l’introduzione al dossier pubblicato nelle 16 pagine centrali della rivista Terrasanta)


Il sommario del dossier:

• Caratteri divinitesto e foto di Andrea Krogman

Il calligrafo ebreo Kalman Gavriel Delmoor celebra l’alleanza tra l’arte e la Torah. Ogni lettera dell’alfabeto rimanda a un legame con il divino.

• Il discepolo dell’aramaicotesto e foto di Cécile Lemoine

Un monaco siro-ortodosso a Gerusalemme, dayroyo Boulus, si accinge a completare la trascrizione dei quattro Vangeli in aramaico classico.

• La Parola si fa inchiostro e coloridi Marie-Armelle Beaulieu

Al santuario di Nostra Signora di Palestina, le monache di Betlemme realizzano un nuovo evangeliario miniato e in arabo per il Patriarcato latino di Gerusalemme.

• Né disegno né scritturadi Samuel Forey

Il musulmano Abdullah Azza coltiva e insegna l’arte della calligrafia araba.

Terrasanta 5/2021
Settembre-Ottobre 2021

Terrasanta 5/2021

Il sommario dei temi toccati nel numero di settembre-ottobre 2021 di Terrasanta su carta. Al centro un dossier di 16 pagine sugli «amanuensi» dei giorni nostri che ancora oggi a Gerusalemme trascrivono con piume, calami o pennelli i testi sacri ebraici, cristiani e musulmani. Buona lettura!

Restaurazione a Kabul, l’Afghanistan ai talebani
Giampiero Sandionigi

Restaurazione a Kabul, l’Afghanistan ai talebani

In agosto si è gretolata rapidamente la presenza delle forze occidentali in Afghanistan ed è tornato il governo dei talebani, scalzato vent'anni fa. Il problema degli esuli e della loro accoglienza.

Giuseppe, l’uomo giusto
fra Matteo Munari *

Giuseppe, l’uomo giusto

Papa Francesco ha indetto, nella ricorrenza dei 150 anni della proclamazione di san Giuseppe a patrono della Chiesa, uno speciale anno dedicato allo sposo di Maria. Fino all’8 dicembre prossimo sarà concessa l’indulgenza plenaria a chi pregherà il padre putativo di Gesù che visse a Nazaret nel nascondimento.

Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2020.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
Abbonamenti

Il periodico Terrasanta è per chi vuole approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 al 2020.

Il file consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Consulta l'indice
Bibbia tra orientalistica e storiografia
Tomislav Vuk

Bibbia tra orientalistica e storiografia

Una introduzione
Cosa resta del papato
Francesco Antonio Grana

Cosa resta del papato

Il futuro della Chiesa dopo Bergoglio