Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il nunzio Yllana da Canberra a Gerusalemme

Terrasanta.net
3 giugno 2021
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il nunzio Yllana da Canberra a Gerusalemme
Il nunzio apostolico Adolfo Tito Yllana. (fermo immagine da un video della diocesi di Brisbane)

Il Papa ha scelto il nuovo rappresentante pontificio in Terra Santa e a Cipro: è l'arcivescovo Adolfo Tito Yllana (73 anni). Di nazionalità filippina, lascia l'incarico di nunzio apostolico in Australia, assegnatogli nel 2015.


(g.s.) – La Santa Sede ha reso noto quest’oggi, 3 giugno, che papa Francesco ha nominato mons. Adolfo Tito Yllana (73 anni) nunzio apostolico in Israele e a Cipro e delegato apostolico a Gerusalemme e in Palestina. L’arcivescovo lascia così Canberra, dove finora ha svolto la funzione di nunzio apostolico in Australia, alla volta della Terra Santa.

Monsignor Yllana è nato a Naga City, nella regione centrale delle Filippine, il 6 febbraio 1948. Nel 1972 è stato ordinato sacerdote come membro del clero diocesano di Càceres. Ha conseguito il dottorato in diritto civile e canonico e nel 1984 è entrato a far parte della diplomazia pontificia. Dopo aver prestato servizio nelle rappresentanze diplomatiche della Santa Sede in Ghana, Sri Lanka, Turchia, Libano, Ungheria e Cina, nel 2001 è stato nominato nunzio apostolico in Papua Nuova Guinea e nelle Isole Salomone. Cinque anni dopo è stato trasferito in Pakistan, dove è rimasto come nunzio fino al 2010 quando da Islamabad è stato trasferito nella Repubblica Democratica del Congo. Ha lasciato Kinshasa nel 2015 per andare a rappresentare il Papa in Australia.

La nomina di mons. Yllana rallegra la Chiesa in Terra Santa, ma certamente sarà motivo di particolare gioia per i tanti connazionali filippini venuti a cercare lavoro e migliori condizioni di vita in questa regione. Si calcola che siano tra i 25 e i 30 mila i lavoratori filippini presenti in Israele con tutte le carte in regola. Altri 15 mila sarebbero gli irregolari. Persone che versano in condizioni di perenne precarietà e sotto la costante minaccia di essere rintracciati dai servizi immigrazione ed espulsi. Sorte particolarmente dolorosa per le lavoratrici madri di bimbi piccoli nati e cresciuti in Israele. Al loro fianco, negli anni scorsi, si sono schierate varie organizzazioni per la difesa dei diritti dei migranti e il vicariato per i cattolici di lingua ebraica del Patriarcato latino di Gerusalemme.

Con l’arcivescovo Yllana alla delegazione apostolica a Gerusalemme e alla nunziatura di Cipro torna un prelato non di origini italiane. Non accadeva dal 1983. L’apertura di regolari relazioni diplomatiche tra la Santa Sede e lo Stato di Israele risale agli accordi siglati nel 1993. La nunziatura a Cipro invece fu aperta nel 1973 e ha sede in una piccola ala del convento francescano di Santa Croce a Nicosia, proprietà della Custodia di Terra Santa.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Calendario di Terra Santa 2022 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2022 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico
Vite meravigliose
Paolo Martinelli

Vite meravigliose

Zuppe, balene e pecore smarrite
Marco Tibaldi

Zuppe, balene e pecore smarrite

Racconti di uomini, donne e cose dallo straordinario mondo della Bibbia