Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

L’arabo Mansour Abbas ago della bilancia in Israele

Giuseppe Caffulli
31 marzo 2021
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
L’arabo Mansour Abbas ago della bilancia in Israele
Il leader del partito Ra'am, Mansour Abbas, depone la scheda nell'urna alle elezioni del 23 marzo 2021. (foto Flash90)

Nulla è automatico per Mansour Abbas, leader del piccolo partito Ra'am. Nei giochi per la formazione del nuovo governo israeliano, potrebbe schierarsi da una parte o dall’altra in base a quanto riuscirà a ottenere per i cittadini arabi.


Lo stanno corteggiando tutti e un po’ se lo aspettava. Si chiama Mansour Abbas e potrebbe essere il vero ago della bilancia nella formazione del prossimo governo d’Israele. È il leader della Lista araba Ra’am (staccatosi dalla Lista unita proprio per avere le mani libere in vista di un accordo di governo anche con le destre). Con i suoi quattro seggi Ra’am potrebbe determinare davvero le sorti del nuovo governo. Qualche giorno fa il leader del partito Blu e Bianco Benny Gantz ha incontrato Abbas per esortarlo a sostenere un «percorso di cambiamento». Tradotto: a sostenere un governo che mandi Netanyahu all’opposizione. Ma la prospettiva appare difficile, perché Abbas – leader spregiudicato, ripete in ogni occasione che Ra’am «non è né di destra né di sinistra». Il che significa che è pronto ad allearsi con qualsiasi schieramento, a prescindere dal colore politico e sulla base delle proposte (e dei vantaggi) che gli verranno prospettati. «Vogliamo contattare le due parti (Netanyahu e il blocco avverso) – ha dichiarato alle agenzie –. Se viene presentata una proposta valida per gli arabi in questo Paese, ci siederemo e ne discuteremo con i nostri interlocutori».

«Il più delle volte i partiti arabi sono iscritti automaticamente alla sinistra – aveva detto nel dicembre scorso in un’intervista – senza considerare le questioni chiave. Non siamo nelle tasche della sinistra o della destra. Dobbiamo agire nell’interesse della società araba che ci ha scelto».

Dopo avere lasciato la Lista unitaria di Ayman Odeh, che nel marzo 2020 s’era aggiudicata 15 seggi, con la tornata elettorale del 23 marzo scorso Abbas manda, in maniera inaspettata, quattro parlamentari alla Knesset.

Qual è la situazione ora, in attesa che il presidente Rivlin attribuisca l’incarico di formare il governo all’uno o all’altro fronte?

Il blocco di destra del primo ministro Benjamin Netanyahu conterebbe 59 seggi su 120 (ne servono 61 per avere la maggioranza in parlamento). Il «campo del cambiamento», come viene chiamato, conta viceversa 57 voti. In entrambi i casi Abbas darebbe le carte. C’è anche una terza possibilità, l’appoggio esterno a una delle due coalizioni.

Con Netanyahu o contro, gli arabi decisivi

La novità vera, se Israele vorrà evitare di andare alle quinte elezioni nell’arco di poco più di due anni, è proprio questa: il superamento del tabù che finora ha escluso gli arabi dal governo. Del resto oltre un quinto dei nove milioni di cittadini israeliani è arabo.

Una semplice constatazione che induce il Jerusalem Post, il giornale filo-governativo per eccellenza, ad affermare che «ci sono tutte le ragioni per includere un partito arabo nella nuova coalizione». Con Abbas al governo i cittadini arabi conteranno di più? Verranno affrontati i veri problemi che la comunità araba patisce, come povertà, violenza e limitazioni abitative?

Come prenderà un eventuale ingresso degli arabi nella stanza dei bottoni la maggioranza che sostiene Netanyahu? E come spiegherà Abbas ai suoi sostenitori (molti dei quali provengono dalle fila dei movimenti islamici) la scelta di sostenere un governo sionista che non più tardi di un paio d’anni fa ha decretato che Israele debba essere lo Stato degli ebrei? Sono tutte domande a cui non è per nulla facile rispondere.

«Dopo quattro elezioni consecutive, però – spiega ancora il Jerusalem Post nell’editoriale di ieri 30 marzo – ci deve essere un cambiamento significativo nel sistema democratico israeliano». Insomma, Israele «è pronto – per la prima volta dopo 73 anni – per un partito arabo al governo».

Dovesse davvero accadere, sarebbe un cambiamento epocale.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Educare nel tempo della complessità
Mara Borsi

Educare nel tempo della complessità

Paradigmi pedagogici della storia e della contemporaneità
Giornate di archeologia

Giornate di archeologia

Arte e storia del Vicino e Medio Oriente. Atti della VI edizione
Il giardino incantato
Carlo Grande

Il giardino incantato

Un viaggio dell’anima dalle Alpi occidentali alle colline delle Langhe e del Monferrato
Giovanni

Giovanni

Nuova traduzione ecumenica commentata