Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un popolo in festa per la Vergine e il patriarca

Christian Media Center
26 ottobre 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Domenica 25 ottobre un'assemblea di fedeli, ridotta per via della pandemia in corso, si è riunita al santuario mariano di Deir Rafat per celebrare, come ogni anno, Maria Regina di Palestina.


Quest’anno una speciale ragione di gratitudine ha pervaso la festa: la nomina del nuovo patriarca latino di Gerusalemme, mons. Pierbattista Pizzaballa, resa nota il giorno prima. In sua assenza – patriarca è in Italia per qualche settimana – la celebrazione è stata presieduta da mons. Giacinto Boulos Marcuzzo. Presente, tra i molti religiosi e religiose, anche il rappresentante pontificio in Terra Santa, mons. Leopoldo Girelli.

In occasione della nomina, mons. Pizzaballa ha indirizzato una lettera al clero e ai fedeli della diocesi (clicca qui per il testo integrale) nella quale scrive dell’invito così dell’invito rivoltogli dal Papa a restare a Gerusalemme anche oltre i quattro anni del suo mandato di amministratore apostolico:

«E dunque resto anch’io, per camminare tra voi e con voi, nella fede e nella speranza, attendendo la Forza che viene dall’alto. Vorrò camminare innanzitutto con i sacerdoti, i religiosi e le religiose, i diaconi e i seminaristi: con loro resto al servizio di tutti, per testimoniare e imparare il primato di Dio e dei Suoi tempi, la pazienza della semina, l’attesa colma di speranza e certa dei frutti dello Spirito. (…) Ci affliggono, infatti, problemi antichi e nuovi: la politica dal corto respiro e incapace di visione e di coraggio, una vita sociale sempre più frammentata e divisa, un’economia che sta impoverendoci sempre di più, e da ultimo questa pandemia, con l’imposizione di ritmi lenti e contrari alla vita cui eravamo abituati. Ma penso anche alle nostre scuole in sempre maggiori difficoltà, alle nostre comunità ecclesiali a volte così fragili e insomma ai tanti problemi dentro e fuori di noi, che già conosciamo. Tutto ciò ci sta però insegnando dolorosamente ma, spero, efficacemente, che altri devono essere i passi e i ritmi dell’uomo, se vuole salvare se stesso e il mondo. (…) Non dobbiamo scoraggiarci. Ho sperimentato in questi quattro anni che, insieme ai tanti problemi, abbiamo anche le risorse, il desiderio e la forza di guardare avanti con fiducia, capaci di vivere l’ambiguità di questo tempo con speranza cristiana».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
I più letti
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Perché l’Europa ci salverà
Bartolomeo Sorge, Chiara Tintori

Perché l’Europa ci salverà

Dialoghi al tempo della pandemia
Tabor
Giulio Michelini

Tabor

Il mistero della Trasfigurazione
Abbecedario biblico
Francesco Patton

Abbecedario biblico

Nutrirsi delle Scritture dall'A alla Z