Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

La terra strada al Cielo

fra Francesco Ielpo ofm *
2 luglio 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
La terra strada al Cielo
La scala del sogno di Giacobbe, mosaico, Cappella Palatina, Palermo.

Là dove la volontà di Dio si compie, viviamo sulla terra come in cielo. Per questo la terra promessa dei Padri, 
dove Dio si rivela, con la risurrezione di Gesù non è più un luogo geografico, ma la possibilità di «abitare» Cristo


Nel libro della Genesi (cap. 28) si narra del patriarca Giacobbe che, nel suo viaggio da Bersabea verso Carran, si ferma a dormire in un luogo chiamato Luz e durante la notte ha la famosa visione in sogno della scala che poggia sulla terra e arriva fino al cielo e degli angeli che vi salgono e scendono. Al mattino, al risveglio, Giacobbe esclama: «Questa è proprio la casa di Dio, questa è la porta del cielo». E, dopo aver eretto e unto di olio la pietra che era servita da guanciale, chiama quel luogo Beth-’El, cioè Casa di Dio. Confesso che questo racconto mi ha sempre affascinato perché in esso, a mio avviso, è contenuta una delle definizioni più belle per descrivere quella terra: la porta del cielo.

La terra nella quale si muove Giacobbe – e che riconosce come luogo dove Dio abita – è la terra promessa con giuramento ad Abramo e alla sua discendenza. È la terra dove Dio continuamente si rivela e dove, nel discendere e salire degli angeli, avviene un continuo dialogo tra il cielo e l’uomo.

Mosè, dopo aver liberato il popolo dalla schiavitù egiziana, è chiamato da Dio a condurre i discendenti di Abramo verso una «terra buona e vasta, una terra dove scorre latte e miele» (Esodo 3,8). Dall’alto del monte Nebo Mosè vede il territorio promesso ma sarà il suo successore, Giosuè, a introdurre il popolo eletto nella terra di Dio. Il passaggio attraverso il fiume Giordano, all’asciutto, segna l’ingresso nella terra che il Dio dell’Alleanza aveva promesso ad Abramo, terra che drammaticamente, in seguito, sarà più volte tolta al popolo eletto.

Nel classico pellegrinaggio in Terra Santa, una tappa importante è rappresentata dal rinnovo delle promesse battesimali al fiume Giordano, nel luogo della memoria del battesimo di Gesù presso Qasr al-Yahud. In qualche modo il giorno del nostro battesimo anche noi abbiamo attraversato il Giordano e siamo entrati nella terra santa, non in senso fisico e geografico, ma attraverso l’incorporazione a Cristo frutto della sua Pasqua.

La terra promessa, dopo la passione, morte e risurrezione di Cristo, non è più un luogo identificabile attraverso delle coordinate spaziali, ma è l’effettiva possibilità di «abitare» in Cristo, «dimorare» in Lui, appartenere a Lui, in qualsiasi punto del nostro pianeta. Il battesimo ci rende partecipi della stessa vita divina di Cristo che nella Pasqua ha realizzato una nuova creazione.

San Gregorio di Nissa, parlando della risurrezione di Gesù, afferma che nel primo giorno dopo il sabato Dio realizza un cielo nuovo e una terra nuova: «E quale cielo? Il firmamento della fede in Cristo. E quale terra? Un cuore buono […] In questa creazione il sole rappresenta una vita pura, e le stelle le virtù; l’aria una buona condotta […] Le erbe e i germogli sono la buona dottrina e la sacra Scrittura, di cui si pasce il popolo, gregge di Dio. Le piante da frutta poi rappresentano l’osservanza dei comandamenti».

Per il cristiano, dunque, ogni luogo può diventare «santo», casa di Dio, porta del cielo perché tutto può diventare occasione per amare Dio che non vediamo attraverso l’amore al prossimo che vediamo. Nel momento della morte in croce di Gesù, il velo del Tempio si squarcia da cima a fondo. Il velo che segnava la separazione tra il Santo dei Santi e il resto del mondo viene strappato cancellando, di fatto, il confine che «costringeva» Dio in un solo luogo, in un solo punto della terra. Il nuovo tempio, ricostruito in tre giorni, è il corpo di Gesù Cristo al quale veniamo incorporati nell’attraversare le acque del fiume Giordano del nostro battesimo.

Ogni tanto vado a rileggere il libro del filosofo Fabrice Hadjadj, nato a Nanterre (Francia) da genitori ebrei di origini tunisine e convertitosi al cattolicesimo, dal titolo La terra strada al cielo, dove afferma che se il cielo sopra le nostre teste ci sembra vuoto, senza più nulla da dirci, è perché, in realtà, non guardiamo abbastanza dove mettiamo i piedi. «Dio è presente ovunque sulla terra, e specialmente, con la sua grazia, nei cuori miti e umili. Poiché è l’Altissimo, Egli è anche l’Infinitamente Basso. Poiché è il Trascendente, Egli è anche l’Onnipresente. Gli umili e i docili sanno che Egli fa sì che tutto concorra al loro Bene, che il sassolino nella scarpa, la pozzanghera, lo scoglio e il pantano sono, per così dire, l’anticamera della sua santa Dimora. Perciò si abbandonano alla sua Volontà. E, dove questa Volontà si compie, noi viviamo sulla terra come fossimo in cielo».

(* Commissario di Terra Santa per il Nord Italia)

Eco di Terrasanta 4/2020
Luglio-Agosto 2020

Eco di Terrasanta 4/2020

Come pellegrini al Santo Sepolcro
Francesco Pistocchini

Come pellegrini al Santo Sepolcro

Una nuova mostra apre le porte della basilica della Risurrezione: composta da 14 pannelli, con uno straordinario corredo di immagini 
e ricostruzioni grafiche di National Geographic, accompagna alla scoperta del Sepolcro vuoto nei suoi aspetti storici, archeologici e di fede

13 settembre, un sito dedicato
Federico Verbani

13 settembre, un sito dedicato

La Colletta del Venerdì Santo 2020 a causa della pandemia è stata posticipata al 13 settembre. Un nuovo sito Internet offre tutti gli strumenti per preparare durante l’estate questo importante momento nella vita della Chiesa universale

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Holy Land. Archaeology on Either Side

Holy Land. Archaeology on Either Side

Archaeological Essays in Honour of Eugenio Alliata ofm
Almanacco filosofico

Almanacco filosofico

Pagine per un anno dai più grandi pensatori d'ogni tempo e latitudine
I cuccioli dell’ISIS
Stefano Luca

I cuccioli dell’ISIS

L'ultima degenerazione dei bambini soldato
Charles de Foucauld
Silvano Zoccarato

Charles de Foucauld

Il mio santo in cammino