Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un patrimonio da salvaguardare

Giuseppe Caffulli
15 gennaio 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Un patrimonio da salvaguardare
Il tempio di Baal, a Palmira (Siria) com’era prima della distruzione ad opera dei terroristi dello Stato islamico il 23 agosto 2015. (foto G. Caffulli)

In Medio Oriente le guerre (soprattutto in Siria e Iraq) stanno lasciando ferite mortali anche nel patrimonio culturale e in ciò che costituisce l’identità dei popoli che abitano quelle terre.


Cominciamo da una buona notizia, di cui abbiamo dato conto anche nel numero di luglio-agosto 2019 della rivista: l’agenzia delle Nazioni Unite per la cultura (Unesco) non considera più la basilica della Natività, a Betlemme, come un sito patrimonio dell’Umanità in pericolo. Merito dei restauri degli ultimi anni, iniziati nel 2013 e terminati qualche mese fa. Ma per una notizia buona, a proposito di patrimonio culturale a rischio, ce ne sono molte altre meno buone, se non cattive. Specie in Medio Oriente, dove le guerre (soprattutto in Siria e Iraq), stanno lasciando ferite mortali anche nel patrimonio culturale e in definitiva in ciò che costituisce l’identità dei popoli che abitano quelle terre. E dove non bastano le guerre guerreggiate, ci pensano quelle ideologiche. In questo dossier non abbiamo la pretesa di esaurire l’argomento, ma solo di proporre alcuni spunti di riflessione su un tema che è oggi più che mai cruciale: quello di imparare a considerare i beni culturali, cioè la memoria di ciò che ha prodotto quello che siamo, non come una spada da brandire, ma come un patrimonio da condividere, da custodire e salvaguardare; uno strumento di dialogo per edificare un’umanità più aperta e solidale.

(Questo testo introduce il Dossier pubblicato nelle 16 pagine centrali di  Terrasanta su carta)

Terrasanta 1/2020
Gennaio-Febbraio 2020

Terrasanta 1/2020

Il sommario dei temi toccati nel numero di gennaio-febbraio 2020 di Terrasanta su carta. Con un dossier dedicato alle minacce e ai danni al patrimonio archeologico e artistico in Medio Oriente. Buona lettura!

I martiri di Marrakech
Filippo Sedda *

I martiri di Marrakech

Il 16 gennaio 2020 ricorre l’ottavo centenario dei Protomartiri francescani, i primi frati, tutti umbri, che trovarono la morte in Marocco. Un episodio, a lungo dimenticato, che sta all’origine della vocazione francescana di Antonio da Padova e che divenne modello da imitare anche per Chiara d'Assisi.

Il mondo perduto del sommacco
Paola Caridi

Il mondo perduto del sommacco

Il sommacco è una di quelle spezie che costituiscono gli stessi pilastri dell’immaginario in Medio Oriente. Un tempo era molto presente anche nella nostra cucina mediterranea. Com'è che l'abbiamo emarginato?

Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Acque di Sopra e Acque di Sotto

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Letture e interpretazioni di testi sacri
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19